// RESTA AGGIORNATO SEGUI TECHZILLA
Uomo assalito in un McDonald’s a causa dei presunti Google Glasses
// CONDIVIDI  

Il Dr. Steve Mann è stato aggredito in un McDonald’s di Parigi mentre era in vacanza con la sua famiglia. Il motivo? voleva rubargli i Google Glasses che tanto hanno fatto parlare di se’ in queste ultime settimane. L’uomo è saltato addosso a Steve e ha tentato di strappargli dal volto gli occhiali, prima di essere buttato fuori sulla strada e a quanto pare si trattava proprio di un responsabile di Mc Donald’s

Tuttavia quelli che indossava Steve non erano gli occhiali a realtà aumentata di Google ma una propria invenzione risalente al 1999: si chiamano EyeTap Digital Eyeglasses e che indossa oramai da 34 anni. Come misura di precauzione, Steve viaggia sempre con una valigetta con dentro la documentazione necessaria ad identificare il proprio prodotto, oltre che con una lettera del proprio medico. Il motivo di tale certificazione è che si tratta pur sempre di un dispositivo in grado di registrare video, quindi non in tutti i posti potrebbe essergli consentito l’accesso. Infatti, mentre Steve stava facendo vedere il certificato medico ad un’impiegato del Mc Donald’s, l’aggressore ha tentato di strappargli gli occhiali dal volto.

Inizialmente al dottore è stato concesso l’ingresso ed è stato possibile ordinare dal cassiere ed in seguito si è seduto con la propria famiglia vicino l’ingresso. A questo punto un uomo ha tentato di strappargli gli occhiali e dopo che Mann ha cercato di calmarlo, l’aggressore lo ha portato da altre due persone al quale ha mostrato il documento del medico. Dopo una discussione tra lo staff in merito alla lettera, uno dei tre uomini la ha strappata e hanno  gettato Steve fuori dal locale.

Steve dichiara che il suo progetto, molto simile a project Glasses di google per molti aspetti, è un dispositivo “con un fascio di luce laser controllato dal computer che permette al suo occhio di funzionare sia come una fotocamera che come un display” ovvero proprio come un paio di occhiali a realtà aumentata.

Mann inoltre non ha spiegato il motivo dell’aggressione ( anche se sembra chiaro ) e i danni riportati, infatti gli EyeTap Digital Eyeglasses sono stati danneggiati durante la colluttazione, in quanto il dispositivo è attaccato al cranio di Steve e può essere rimosso solo con strumenti speciali. Tuttavia , proprio per la natura del dispositivo, gli occhiali sono stati in grado di registrare la sequenza dell’aggressione anche se al momento non sembra essere stato in grado di identificare il suo assalitore anche se ha ripreso 4 dei possibili aggressori tra le persone responsabili del fastfood.

Tuttavia sembra che Mann non sia interessato ad un risarcimento da parte della multinazionale, ma vorrebbe solo che i suoi occhiali fossero riparati e che McDonalds cercasse di trovare un modo affinchè questa sorta di problemi non si verifichino più, magari con una ricerca su questi dispositivi a realtà aumentata da parte delle grandi aziende.

via

 

// CONDIVIDI  

COMMENTA