Chi naviga sul web sa benissimo il fastidio provocato dai numerosi banner che sbucano quando visitiamo determianti siti. La soluzione a questo problema era sotto ogni punto di vista l’attivazione del plug-in per browser e smartphone AdBlock Plus che, come dice il nome stesso, permette di bloccare e non visualizzare qualcunque genere di banner pubblicitario, anche in pop-up.

Ad andarci sotto sono state sicuramente tutte le concessionarie di pubblicità private nonché Google con Google AdSense che è definita leader nel settore. E proprio quest’ultima, pare abbiamo deciso di prendere degli accorti con i responsabili del plug-in in questione per chiedere lo sblocco delle pubblicità. Un accordo fra le parti stretto soldi alla mano.

Purtroppo non è nota al pubblico la cifra che Google ha dovuto sborsare per questo favore ma, di certo, potrebbe essere l’inizio di una lunga lista di richieste di “sblocco” che frutteranno non poca pecunia agli inventore di AdBlock Plus. Quando si dice: a buon rendere!

Ti invieremo un' email a settimana, puoi cancellare l'iscrizione in qualunque momento.

Potrebbe interessarti anche:


Partecipa alla discussione: