A pochi giorni dall’uscita di Windows 8, vi proponiamo una piccola guida, fornita da Microsoft stessa, per ridare nuova linfa vitale ai vecchi pc, magari su Windows 7 o persino ancora operanti il vecchio Windows XP.

Dopo molto utilizzo, spesso i computer notebook e desktop subiscono rallentamenti, in alcuni casi anche piuttosto gravi, che possono peggiorare, se non compromettere l’esperienza d’uso, anche su macchine di discreta potenza. Gli accorgimenti software sono essenziali per mantenere in buona salute il proprio pc, e sono spesso trascurati, durante l’uso quotidiano.

I consigli di Microsoft si snodano principalmente su 6 attività essenziali, da svolgere con regolarità per mantenere il proprio pc pulito e veloce.

1) Avere un buon antivirus e antispyware, ed effettuare controlli costanti sul proprio disco.

2) Avere un hard disk pulito: cancellate i file inutilizzati e mantenete le cartelle ordinate:

  • Rimuovere file temporanei di Internet.
  • Eliminare i file di programma scaricati, ad esempio i controlli Microsoft ActiveX e applet Java.
  • Svuotare il Cestino.
  • Rimuovere i file temporanei di Windows, come i rapporti di errore.
  • Eliminare componenti opzionali di Windows che non si usano.
  • Eliminare i programmi installati che non sono più utilizzati.
  • Eliminare punti di ripristino e copie di backup non utilizzate da Ripristino configurazione di sistema.

3) Velocizzare l’accesso all’hard disk con deframmentazioni periodiche.

4) Effettuare periodicamente controlli di coerenza sul disco: capita che alcuni settori dell’hard disk, col tempo, si danneggino, causando rallentamenti significativi sul computer o addirittura blocchi ed errori.

5) Ready Boost: se si utilizza Windows 7 o Windows Vista, è possibile utilizzare ReadyBoost per velocizzare il sistema. ReadyBoost consente di utilizzare un flash drive USB o una scheda di memoria per migliorare le prestazioni senza dover aggiungere ulteriore memoria RAM.

Si tratta ovviamente di consigli basilari e di facile comprensione anche per gli utenti più inesperti. Windows offre programmi appositi che coprono la maggior parte di queste operazioni, ad esempio Windows Defender per gli spyware e l’utilità di deframentazione del disco rigido per la deframmentazione e i controlli.

Ovviamente il tutto può essere velocizzato utilizzando suite apposite, sviluppate appositamente per automatizzare le operazioni di pulizia più comuni.

Antivirus suggeriti:

  1. Antivir
  2. Avast
  3. Nod32

Software per il controllo degli errori dell’Hard Disk suggerito:

  1. HDTune

Via Microsoft

Ti invieremo all'incirca una email a settimana, e puoi cancellare l'iscrizione in qualunque momento.

Potrebbe interessarti anche:


Partecipa alla discussione: