Come due bambini che litigano per un giocattolo anche le due più grandi aziende tech del mondo non sono da meno, sopratutto quando ci sono i soldi di mezzo. E’ questo il recente caso che vede Google rimuovere l’applicazione di Youtube dall’Amazon Fire Stick.

Da sempre Amazon e Google sono state in disaccordo in molti aspetti ma adesso la storia sembra prendere una brutta piega e tra i due litiganti noi clienti ne piangiamo le conseguenze.

Ma di cosa stiamo parlando? Youtube, che ricordiamo essere di Google, non sarà più disponibile nei prodotti Amazon, come Echo e ancor di più nelle Fire TV, dove Youtube risulta essere molto popolare. Tutto ciò avverrà dal 1 Gennaio 2018 come mostrato in questo tweet.

Dall’altra parte Amazon ha già deciso da tempo di interrompere la vendita di Chromecast e recentemente ha anche tolto dal catalogo altri prodotti Google quali  Nest Secure e Thermostat.

Amazon Fire TV Stick Basic Edition
Fire TV Stick Basic Edition di Amazon è ufficiale in Italia
Amazon ha ufficializzato a sorpresa la sua Fire TV Stick Basic Edition per l’Italia. Il prodotto è già in magazzino con disponibilità immediata ad un prezzo super scontato per gli iscritti al programma Prime. Fire TV Stick Basic Edition permetterà [...]

Ovviamente i due prodotti in questione ( Google Chromecast e Amazon Fire Stick ) sono in diretta concorrenza e per questo Amazon potrebbe aver deciso di rimuovere le vendite dei prodotti Google come il Chromecast e i prodotti Nest dal proprio catalogo.

Le due aziende stanno cercando un accordo o almeno così dicono, ma continuano a criticare alcune scelte tecniche. Youtube ad esempio dice che l’app per Fire TV ed Echo Show sembrerebbe violare alcune termini di servizio mentre Amazon critica a Google l’impossibilità di utilizzare Prime Video nella Chromecast. Insomma un continuo scarico di colpe. Resta di fatto che da oggi dovremo pensarci bene prima di acquistare un dispositivo di streaming casalingo visto che i servizi presenti potrebbero essere limitati.

E tra i due litiganti, noi clienti ne piangiamo le conseguenze.


Partecipa alla discussione