Quest’anno, al CES di Las Vegas, AMD ha deciso di evitare lo show di presentazione dei propri prodotti, limitandosi a una breve conferenza in una stanza ai piani superiori, dove l’azienda ha mostrato i prodotti in commercio e alcuni progetti futuri.

Le novità più importanti in arrivo sono 2: la prima sono le APU Trinity, basate sul core Piledriver, di cui ci saranno tre versioni differenti: desktop, laptop e “thin and light”. Le Trinity Thin and light saranno probabilmente studiate per gli Ultrabook, garantendo un consumo di soli 17W, mentre promette prestazioni simili ai chip attuali da 35W.

Per mostrare quanto sia potente la nuova architettura AMD aveva assemblato un computer che aveva in esecuzione una demo del gioco DiRT 3 (a bassa qualità) su un display, transcodifica video su un altro e riproduzione di un clip su un terzo schermo. Il tutto era collegato ad un portatile che stava gestendo il tutto senza apparenti difficoltà e incertezze.

L’altra grande novità presentata era una demo dietro le quinte di Lightning Bolt, la risposta di AMD a Thunderbolt. Il protocollo Lightning Bolt è in grado di pilotare fino a quattro display e diverse porte USB 3.0, fornendo tutta l’energia sufficiente al loro funzionamento. Solo due dei monitor però potranno avere risoluzione a 1080p e con tutto collegato il protocollo non non raggiungerà la massima velocità di USB 3.0, ma AMD ha detto che sarà comunque più veloce di USB 2.0.

Ti invieremo un' email a settimana, puoi cancellare l'iscrizione in qualunque momento.

Potrebbe interessarti anche:


Partecipa alla discussione: