A New York Apple ha tolto il velo ai nuovi tablet, diversi per la grandezza del display. E’ stata aumentata la diagonale del pannello della versione più piccola rispetto alla generazione precedente, ma l’ottimizzazione fatta alle cornici ha permesso di contenere le dimensioni.

I nuovi iPad Pro hanno, rispettivamente, un display da 11″ e uno da 12,9″. Non parliamo di una soluzione OLED, bensì LCD. Apple la chiama Liquid Retina, simile a quella che è stata implementata all’interno dell’ iPhone XR. Ciò che colpisce immediatamente alla vista è la grande ottimizzazione che è stata fatta alle cornici, le quali ora sono molto ridotte e uniformi in tutti i lati del tablet. Scompare, di conseguenza, il Touch ID e trova spazio il Face ID con tecnologia TrueDepth, in questo caso integrato all’interno delle bande nere, senza ricorre ad alcun notch. Si tratta di un riconoscimento tridimensionale avanzato che permette di identificare il volto dell’utente sia che il device venga impugnato in verticale, sia che venga utilizzato in orizzontale. Tra le altre cose, il Face ID può essere sfruttato, come su iPhone, per Apple Pay, Animoji, Memoji ed altro.

Muoversi con un dito

I nuovi iPad lanciano ufficialmente il nuovo sistema operativo iOS 12 per tablet, che porta con sé diverse novità, soprattutto lato interazione. La mancanza del Touch ID ha portato i tecnici Apple ad implementare una serie di gestures attivabili con le dita per muoversi nell’interfaccia, alla stregua di iPhone X, XS e XS Max.

Con un celere swype dal basso verso l’alto si torna alla home, con uno swype più accentuato verso il centro si accede al multitasking. Nulla di nuovo per gli utenti di iPhone, il tutto è di facile comprensione e attuazione.

L’hardware interno è stato decisamente potenziato. Entrambe le versioni montano il SoC proprietario A12X Bionic, un octa-core che integra una GPU con 7 core, realizzato a 7 nanometri. Un passo in avanti deciso rispetto al passato, come è stato affermato dalla stessa Apple in fase di presentazione: la nuova piattaforma hardware riesce ad essere il 35% più veloce rispetto a quella dell’anno precedente (fino al 90% più veloce in multicore).

Basta Lightning. Si passa alla Type-C

Gli iPad Pro 2018 sono i primi tablet Apple ad implementare l’ingresso USB-C, a discapito del proprietario connettore Lightning, una soluzione che permette di sfruttare ampiamente gli accessori delle aziende di terze parti. La Type-C consente di supportare monitor esterni e di ricaricare altri device Apple, rendendo di fatto l’iPad Pro una powerbank.

Apple ha avuto modo di ingegnerizzare anche la seconda generazione della Pencil, lo strumento di interazione avanzato che ora vanta un attacco magnetico per l’aggancio al tablet e per la ricarica della batteria in modalità wireless. Rimane la precisione ed il supporto ai livelli di pressione e si aggiunge una porzione sensibile al tocco, utile per aprire velocemente l’app Notes attraverso un doppio tap con il dito.

Miglior Tablet per disegnare - Novembre 2018
La guida ai Migliori Tablet per disegnare serve per scegliere la soluzione perfetta al prezzo giusto.

Chiudiamo la disamina hardware ricordando la presenza di un modulo fotocamera posteriore da 12 MP, con apertura f/1.8, in grado di catturare immagini con lo Smart HDR, l’interpretazione della casa di Cupertino dell’HDR+ che ha fatto il suo debutto il mese scorso con il lancio di iPhone XS e XR.

Apple iPad Pro e la nuova Apple Pencil saranno disponibili a partire dal 7 novembre, con prezzi svelati di seguito:

  • iPad Pro 11″ 64/256/512GB a partire da 899/1069/1289 euro. La variante da 1TB partirà, invece, da 1729 euro;
  • iPad Pro 12,9″ 64/256/512GB a partire da 1119/1289/1509 euro. La variante da 1TB partirà da 1949 euro;
  • Apple Pencil di II generazione sarà disponibile all’acquisto ad un prezzo di 135 euro;
  • Smart Keyboard Folio avrà un prezzo di 219 euro.
Via
Ti invieremo un' email a settimana, puoi cancellare l'iscrizione in qualunque momento.

Potrebbe interessarti anche:


Partecipa alla discussione: