E’ appena iniziata la conferenza del WWDC al Moscone Center di San Francisco e il palco si è già incendiato, in attesa di iOS6, con i nuovi Mac Book Pro con SoC Ivy Bridge di Intel. LE loro prestazioni raggiungono i 2.7GHz quad Core i7s (turbo fino a 3.7GHz) e fino a 8GB of RAM e scheda video GeForce GT 650M che permette prestazioni fino al 60% migliori rispetto alle precedenti.

Come il nuovo MAc Book Air, anche il Mac Book Pro passerà le sue porte al nuovo standard 3.0. I due modelli disponibili saranno quello da 15 pollici versione “base” che ci costerà 1.799 dollari e 2.199 per lo stesso modello più performante, prezzo che ha fatto storcere il naso ai presenti in sala.

Retina – Questa nuova serie è inoltre il primo modello dotato di Retina Display con risoluzione  2880 x 1800 pixel( 220ppi) che unirà così il mondo iPhone, iPad e Laptop che avranno tutti una risoluzione ad alta definizione Retina. La densità di pixel (ppi) dell’iPhone 4S è di 326ppi e quella di iPad 3 è di 264 ppi. Inoltre è stato ridotto lo spessore e alleggerito il peso complessivo del dispositivo, rendendolo ancora più pratico. Inoltre i nuovi schermi promettono maggiore contrasto ed un migliore angolo di visualizzazione.

Hardware – sparisce anche il cavo ethernet come sul cugino Mac Book Air e le linee si assottigliano risparmiando anche qualche grammo di peso. Dentro i nuovi MacBook Pro troviamo una piattaforma Intel Ivy Bridge con prestazioni fino ad una CPU quad-core a 2.7GHz con processore Intel i/. Parte video affidata alla Nvidia Kepler GT 650M

Software – Incorporato troveremo Aperture, Photoshop e Final Cut Pro, tutti aggiornati con la grafica del nuovo display Retina a 220ppi. Anche Photoshop e AutoCAD verranno presto aggiornati per il Retina Display, mentre Diablo 3 di Blizzard è già pronto per il Retina Display.

Autonomia – fino a 7 ore di utilizzo e 30 giorni in stand-by

Cut Pro con ogni nuovo Mac Book Pro

Ti invieremo un' email a settimana, puoi cancellare l'iscrizione in qualunque momento.

Potrebbe interessarti anche:


Partecipa alla discussione: