Proprio come anticipato , ASUS ha ufficialmente presentato il suo Padfone al Mobile World Congress (MWC 2012).

Si tratta di un dispositivo di fascia alta, con schermo da 4,3 pollici Super AMOLED QHD, la nuova cpu Snapdragon dual-core S4, GPUAdreno 225 , Ice Cream Sandwich e una fotocamera da 8 megapixel posteriore con flash LED e f/2.2, la lente di messa a fuoco automatica.

Altre specifiche includono memoria interna da 16 a 64 GB  (espandibile tramite microSD), Bluetooth 4.0, HDMI, GPS, A-GPS, un giroscopio, batteria 1520 mAh e una bussola. Le opzioni di connettività includono WCDMA (900, 2100 MHz), EDGE / GPRS / GSM (850, 1800 e 1900 MHz) e HSPA +, con velocità di download teoriche fino a 42Mbps.

Ma la cosa più interessante dell’Asus Padfone non sono le specifiche tecniche, quanto la sua capacità di trasformarsi in tablet (anche se solo con l’aiuto di alcuni accessori opzionali, ancora senza prezzo.) Prendendo spunto dai telefoni Motorola con la Lapdock, il Padfone può essere inserito in una dock station simile a un tablet, per essere utilizzato come se fosse, appunto, un tablet da 10.1 pollici.

Dentro la stazione tablet il Padfone non solo sarà più comodo da utilizzare per applicativi e navigazione, ma avrà anche una maggiore durata della batteria – ben 9 volte superiore.

ASUS metterà in vendita per il Padfone anche una tastiera fisica esterna, per aumentare al massimo la produttività e la versatilità del prodotto

ASUS ha confermato che il Padfone sarà disponibile nel mese di aprile. Purtroppo non è stato rivelato nè il prezzo del Padfone nè dei suoi accessori. Restate sintonizzati per il video Hands On!

Ti invieremo un' email a settimana, puoi cancellare l'iscrizione in qualunque momento.

Potrebbe interessarti anche:


Partecipa alla discussione: