Aspettare ore per ricaricare un cellulare diventerà un ricordo del passato, grazie all’invenzione di una liceale di 18 anni che ha vinto un premio di $ 50.000 alla fiera internazionale della scienza per la creazione di una batteria che può essere pienamente ricaricata in 20/30 secondi.

Questo dispositivo è un cosiddetto supercondensatore, un aggeggio che può immagazzinare tantissima energia in un spazio minuscolo, si ricarica velocemente e riesce a mantenere la carica per lungo tempo.

La cosa ancora più straordinaria è che, secondo l’inventrice Eesha Khare di Saratoga (California), questo dispositivo può durare fino a 10.000 cicli di carica-ricarica, a fronte dei 1.000 cicli delle batterie ricaricabili tradizionali.

Ad una intervista alla NBC News, la ragazza, alla domanda di cosa l’avesse ispirata a lavorare su questa batteria, ha risposto: “La batteria del mio cellulare muore sempre“. I supercondensatori le hanno permesso di accrescere il suo interesse per la nanochimica e sostiene che “Lavorare su scala nanometrica permette di avere progressi significativi in molti campi diversi“.

Ad oggi, lei ha usato il supercondensatore per alimentare un diodo ad emissione luminosa, o LED. Questa sua invenzione potrebbe essere inserita in qualsiasi dispositivo portatile, liberando le persone dalla preoccupazione continua di dover ricaricare continuamente i propri dispositivi elettronici, in particolare gli smartphone. D’altronde chi è che non ha di questi problemi?

“E ‘anche flessibile, e questo consente alla batteria di poter essere utilizzata anche nei display rollup, nell’abbigliamento e in ogni tipo di tessuto” ha aggiunto Khare, “Offre un sacco di vantaggi rispetto alle batterie normali”.

L’invenzione di Khare le ha permesso di vincere il premio “Intel Foundation Young Scientist” alla fiera “Intel International Science and Engineering Fair”, svoltasi la scorsa settimana a Phoenix, in Arizona.

Ti invieremo all'incirca una email a settimana, e puoi cancellare l'iscrizione in qualunque momento.

Potrebbe interessarti anche:


Partecipa alla discussione: