Smartphone prestanti, troppo prestanti. Grandi capacità di calcolo, spessore ridotto. Batterie poco performanti. Quest’ ultimo di certo è un problema che affligge qualsiasi utilizzatore di un dispositivo elettronico. Le aziende dal canto loro cercano di porre rimedio in qualche modo, costruendo batterie dalla grande potenza, racchiusa in in uno spessore limitato, ed inserendo a livello software soluzioni più o meno valide. Ma ciò non basta. C’è chi sta cercando soluzioni più “definitve“.

batterie smartphone

Batterie per Smartphone: il progetto

I ricercatori della Nanyang Technology University stanno infatti cercando di costruire batterie per smartphone in grado di ricaricarsi in poco tempo e di degradarsi dopo un paio di decenni. Se il progetto dovesse sfociare in un prodotto funzionante, di certo questo sarebbe un grande passo avanti per la tecnologia. Le pile utilizzate in questa “era tecnologica” sono abbastanza lente nella ricarica, e soprattutto garantiscono un funzionamento di circa 500 cicli di ricarica, superati i quali le prestazioni calano progressivamente. Le nuove batterie agli ioni di litio in fase di progetto invece garantirebbero di raggiungere il 70% della carica in 2 minuti, ed una longevità incredibile, con i 10 mila cicli di ricarica. Il segreto di tali performance risiederebbe nell’ utilizzo di nanotubi di diossido di titanio al posto della grafite.

Cercheremo prossimamente di scoprire nuove informazioni su questo tipo di prodotto in sviluppo. L’ impiego di queste batterie potrebbe davvero rivoluzionare l’ uso delle apparecchiature elettroniche, e non solo.

Via
Ti invieremo un' email a settimana, puoi cancellare l'iscrizione in qualunque momento.

Potrebbe interessarti anche:


Partecipa alla discussione: