Almeno una volta nella vita ci sarà capitato a tutti di premere questi 3 pulsanti della tastiera contemporaneamente e spesso la combinazione diCTRL+ALT+CANC ( o DEL per qualche utente ) non è buon segno in quanto è un comando adoperato sulle macchine windows ( almeno in principio ) in caso di instabilità del sistama e che serve per aprire il task manager.

Questa combinazione potrebbe infatti averci salvato da alcuni riavvii del PC, un’operazione molto pericolosa e che consiste nell’inclinare lateralmente il corpo per riuscire a premere il tasto di reset sul nostro computer: un esercizio molto delicato in certe condizioni fisiche.

Tuttavia stando ad una recente intervista di Bill Gates, la nascita di questa combinazione sarebbe stata tutt’altro che ponderata, anzi, inizialmente Zio Bill voleva mettere un solo tasto dedicato a questa operazione.

Durante un discorso alla raccolta fondi di Hardvard, Bill Gates ha ammesso che la combinazione CTRL+ALT+CANC è nata per errore.

“E’ stato un errore… avremmo potuto mettere un solo tasto, ma il tipo che ha fatto il design della tastiera IBM non ci ha voluto mettere il tasto”

ctrl-alt-del

A questo punto l’ingegnere David Bradley ha proposto l’idea della combinazione di tre tasti che è usata ancora oggi sui PC per portare alla luce il Task Manager o bloccare la macchina. Considerando quanti tasti ci sono sulla tastiera, siamo curiosi di capire perchè Bradley ha pensato che Ctrl+Alt-+Canc fosse una buona combinazione da adoperare.

Pensandoci bene possiamo vedere come per eseguire questo comando abbiamo per forza bisogno di due mani e di conseguenza è un’operazione che non può verificarsi “per sbaglio” come potrebbe essere per la pressione di un singolo tasto. Insomma, se non fosse stato per quella testa dura di designer di tastiere IBM, oggi ci sarebbe un tasto in più sulla nostra tastiera.

Ti invieremo un' email a settimana, puoi cancellare l'iscrizione in qualunque momento.

Potrebbe interessarti anche:


LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here