John Chen, CEO di BlackBerry, durante un’intervista rilasciata a Bloomberg, ha aperto all’idea di produrre nel 2016 un sencondo smartphone sempre Android based, sulla scia dell’attuale Priv, ma appartenente a una fascia di mercato più bassa, così che il prezzo più contenuto possa attrarre un maggior numero di utenti.

L’attuale BlackBerry Priv infatti è stato accolto da recensioni positive e sta riscontrando anche un buon successo commerciale, che ha tra l’altro consentito all’azienda canadese di tornare in positivo nell’ultimo trimestre fiscale, dopo anni catastrofici che l’avevano condotta quasi sull’orlo del fallimento.

BlackBerry-pre-release-hands-on_4

Tuttavia il Priv, per caratteristiche e prezzo (in Italia costerà ben 849 euro), è uno smartphone di nicchia, che si rivolge essenzialmente agli utenti business e quindi non potrà mai conoscere un boom di vendite davvero sostenuto. Questo Chen lo sa benissimo, come sa che la presenza a bordo di Android è potenzialmente una calamita anche per un pubblico più consumer, che però non spenderà mai oltre 800 euro per uno smartphone di cui non sfrutterà mai a dovere la maggior parte delle funzioni, pensate soprattutto per le aziende.

Blackberry-priv 4

Per questo lanciare un secondo modello sempre con l’OS del robottino verde ma più economico potrebbe essere una buona idea, tuttavia Chen è stato giustamente cauto nel fare proclami ed ha detto chiaramente che l’eventualità è sottomessa a una condizione irrinunciabile, e cioè che Priv confermi il buon andamento ancora per alcuni trimestri.

13-novembre_cosacompri_key4biz_blackberry-priv-1

BlackBerry insomma vuole giustamente essere sicura di avere una base economica più solida dell’attuale prima di azzardare un secondo passo, se tutto funzionerà a dovere però il rilancio della casa della Mora sarà ormai cosa certa.

Ti invieremo un' email a settimana, puoi cancellare l'iscrizione in qualunque momento.

Potrebbe interessarti anche:


Partecipa alla discussione: