Come saprete su Techzilla non siamo particolarmente amanti del Notch, d’altronde neanche i nostri utenti sembrano amare questa moda e lo dimostra il recente sondaggio dove l’81% di voi si è dichiarato contrario a questa tendenza.
Ad oggi uno dei pochi produttori che si era “salvato” dal Notch era Samsung, infatti il Galaxy S9 e il fratello S9+ non hanno introdotto il notch a differenza di altri produttori come Huawei, LG, Asus, Zte e tanti altri.

Eppure sembra che Samsung non abbia scartato l’idea del notch e un recente brevetto mostra infatti un display con una sezione superiore del display “ritagliata” per far spazio al notch e ai suoi sensori.
Il brevetto è stato depositato all’ente cinese SIPO il 30 Marzo e mostra chiaramente un display con notch superiore come siamo abituati a conoscerlo in questi ultimi mesi.

Il design mostra un dispositivo bezel-lezz con doppia fotocamera posteriore, usb type-C e bilanciere del volume come praticamente ogni smartphone presente oggi sul mercato. Ma ovviamente la grande novità è la presenza del notch nella parte superiore.
Questo non vuol dire che Samsung sta pre presentare un nuovo Galaxy “Notch” ma semplicemente che ha voluto mettere le mani avanti per brevettare e proteggere questo tipo di dispositivo.
Attualmente i dispositivi Android non supportano bene il notch poiché questa feature, che ricordiamo è stata introdotta con iPhone X, non è gestita nativamente da Android.

Di recente Samsung ha anche depositato un altro brevetto per uno smartphone con un ratio display frontale pari al 99% quindi praticamente un dispositivo senza bordi in nessuno dei 4 lati anche se attualmente siamo lontani anni dalla sua commercializzazione per motivi strettamente legati all’hardware, alla miniaturizzazione dei componenti e a scelte ingegneristiche sul dove posizionare i sensori presenti su tutti gli smartphone.

A voi piacerebbe un Galaxy S10 con Notch?

foto di apertura puramente indicativa

Ti invieremo all'incirca una email a settimana, e puoi cancellare l'iscrizione in qualunque momento.

Potrebbe interessarti anche:


Partecipa alla discussione: