Il nuovo chipset Snapdragon 821 di Qualcomm punta su VR e fotografia

Una versione migliorata dello Snapdragon 820 con migliori performance e un buon risparmio energetico

In occasione di IFA di Berlino Qualcomm ha presentato il successore dello Snapdragon 820 ovvero lo Snapdragon 821 il nuovo SoC che  attualmente rappresenta la punta di diamante dei chipset Qualcomm.

Lo Snapdragon 821 sarà utilizzato sui nuovi top gamma come Zenfone 3 Deluxe, Xiaomi Mi5S ed altri smartphone che vedranno la luce proprio qui a IFA di Berlino, la fiera che si svolgerà dal 2 al 7 Settembre a Berlino.

Tra le novità introdotte con lo Snapdragon troviamo:

  • Snapdragon VR SDK: suite di sviluppo orientata alla realtà virtuale e compatibile con la piattaforma Google Daydream;
  • Dual PD (PDAF): tecnologia che aumenta la velocità dell’autofocus della fotocamera in svariate condizioni d’uso;
  • Extended Laser Auto-Focus Ranging: migliora l’accuratezza della messa a fuoco.

Il primo smartphone a integrarlo sarà l’Asus ZenFone 3 Deluxe (foto sotto). Il suo arrivo sui mercati

Parlando dell’architettura del nuovo SoC Qualcomm ci spiega che le ottimizzazioni sono mirate alle performance, alla realtà Virtuale e alla fotografia. Avremo ancora una volta un’architettura Kryo quad-core da 2,4 Ghz con frequenza di clock leggermente superiore allo Snap 820 che garantiranno circa il 10% di performance in più.

Il primo smartphone a integrarlo sarà l’Asus ZenFone 3 Deluxe (foto sotto). Il suo arrivo sui mercati

Avremo anche tempi di accensioni più rapidi rispetto allo Snapdragon 820 e anche qui si parla di una migliora di circa il 10% rispetto al suo predecessore e anche le applicazioni saranno più rapide del 10% ad aprirsi.

La GPU rimane l’attuale Adreno 530 con frequenza 650 MHz e anche i consumi energetici sono stati ottimizzati con risparmi di circa il 5% rispetto allo Snapdragn 820. Inoltre per quanto riguarda la realtà virtuale gli sviluppatori potranno sfruttare il VR SDL con integrazione a DayDream inoltre il chip è dotato di supporto al Dual PDAF (phase detection autofocus ) che consente una messa a fuoco più rapida.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Simone Sagramati
Co-fondatore e amministratore di Techzilla. Adora le nuove tecnologie e si occupa principalmente dell'amministrazione, del settore marketing e dell'aspetto grafico del sito.

Commenti recenti

Ti potrebbe interessareRELATED
Consigliati per te