L’esperienza di navigazione mobile con il browser Chrome per Android potrebbe migliorare sensibilmente con le prossime release, se le indiscrezioni si dovessero rivelare corrette. Il browser di Google per smartphone e tablet potrebbe fare uso di una tecnologia simile a quella implementata da Amazon (con il suo Amazon Silk) e da Opera, ovvero il precaricamente delle pagine sui server di Google, che poi manderebbe il contenuto compresso ai dispositivi mobili.

Si tratterebbe dunque di una sorta di pre-caching di Google, per consentire ai dispositivi di fare un uso migliore della poca larghezza di banda. Non vediamo l’ora di provarlo e di darvi le nostre impressioni d’uso, ma al momento la tecnologia è in fase sperimentale, dunque non sappiamo quando verrà rilasciata ufficialmente.

Ti invieremo un' email a settimana, puoi cancellare l'iscrizione in qualunque momento.

Potrebbe interessarti anche:


Partecipa alla discussione: