Il mercato degli smartphone è un segmento in continua crescita, ma negli ultimi mesi abbiamo assistito ad un’azienda relativamente nuova che ha segnato record dopo record di vendite. Stiamo ovviamente parlando di Xiaomi, l’azienda Cinese dietro alla rom MIUI ( basata su Android ) e ai vari Xiaomi Mi 1/2/3/4 e MiPad solo per citare alcuni dei best seller dell’azienda.

La giovane azienda, sotto la guida del miliardario Lei Jun, ha catturato un’interessante 5% di share di mercato negli ultimi tre mesi spedendo 15.1 milioni di smartphone in questo trimestre. La crescita dell share è salita dall’1,8% dello scorso anno ai 5,1% di questo 2014. Un traguardo davvero niente male considerando che l’azienda è nata da 4 anni anche se solo di recente si è “aperta” anche a di fuori dalla Cina.

Stando alle analisi di mercato questo farebbe salire Xiaomi alla quinta azienda come share di mercato. L’azienda da pochi anni ha avuto anche la brillante idea di assumere Hugo Barra, uno dei pezzi grossi di Google, che si è trasferito a Beijing a metà 2013 per seguire la Xiaomi nel tragitto.

Xiaomi Mi4, l'ultimo smartphone annunciato dall'azienda
Xiaomi Mi4, l’ultimo smartphone annunciato dall’azienda

Il CEO Lei di Xiaomi è considerato in Cina come lo Steve Jobs locale, tanto che durante i keynote emula anche il dresscode del fondatore della Apple, concludendo addirittura una recente conferenza con la famosa frase “One More Thing”. 

Xiaomi sta procedendo a passi da gigante e sa benissimo come muoversi in questo mercato, infatti tutti i suoi prodotti vengono venduti in manciate di minuti in Cina ed ora l’azienda è pronta ad espandersi ufficialmente anche in USA e Europa visto che oramai i suoi prodotti sono affidabili, eleganti, con ottimo rapporto qualità prezzo e con un’interfaccia utente che si avvicina più al mondo iOS che a quello Android pur mantenendo la piena compatibilità con il Play Store.

Samsung rimane ancora in cima al mercato con il suo 25,2% di Share, seguita da Apple con il 11,9%, Huawei con il 6,8% ( sopratutto nei paesi Asiatici ) e Lenovo con il 5,4%.

Di certo non manca qualche critica verso i prodotti Xiaomi, tuttavia sembra che i big del settore dovranno iniziare a guardarsi le spalle, se non l’hanno già fatto, perchè Xiaomi procede a passi da gigante, attirando anche la curiosità degli utenti USA e Europei.

Ti invieremo un' email a settimana, puoi cancellare l'iscrizione in qualunque momento.

Potrebbe interessarti anche:


Partecipa alla discussione: