Di storie incredibili e al limite della stupidità se ne sentono tutti i giorni, ma questa ha quel qualcosa in più degna di essere raccontata per giorni. La non-troppo-furba Ashley McDowell, 22 anni, è stata avvicinata da due uomini nel parcheggio di un McDonald’s dove gli hanno offerto di vendere un iPad a soli 300$. La donna aveva solo 180$ in tasca e di certo i due malintenzionati si sono accontentati dell’offerta della donna. Al rientro Ashley si è accorta di aver appena acquistato un blocco di legno con sopra il logo della Apple.

Ma il pezzo di legno era in qualche modo “particolare”.

La storia della magica tavoletta è sicuramente comica per diversi aspetti. In primo luogo Ashley pensa di fare l’acquisto della sua vita pagando un iPad nuovo, imballato in uan scatola fedEX, a soli 180$: i due uomini avevano infatti assicurato alla donna di averne presi uno stock e di venderli a prezzo scontanto proprio per questo. A Questo punto la ragazza chiama la polizia che, dopo essersi fatti qualche risata, aprono un’indagine in merito.

Ma di certo anche i ladri hanno avuto il loro attimo di pazzia. Non avevano realizzato che non c’era bisogno di far apparire realmente il blocco di legno come un’ipad? Sullo “schermo” del blocco hanno addirittura disegnato un’interfaccia simil-iPad con tanto di icone. Non si erano forse resi conto che il loro business di truffe consisteva nel vendere il blocco senza tirarlo fuori dalla scatola? Tenendolo in mano anche un bambino avrebbe realizzato che di certo quello non era un iPad: toccare il touchscreen e ritrovarsi con una scheggia nel dito di certo avrebbe fatto sorgere qualche dubbio. Insomma, ve li immaginate questi due truffatori a lavorare giorno e notte come gli elfi di Babbo Natale a produrre queste i-tavolette?

Abbiamo volutamente sorvolato sul dettaglio del logo dell’Apple incollato con il nastro adesivo poi…

Rimani aggiornato in tempo reale sulle offerte tech grazie al nostro canale Telegram!

Ti invieremo un' email a settimana, puoi cancellare l'iscrizione in qualunque momento.

Potrebbe interessarti anche:


LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here