Editoriale Apple Event – Perché Apple non riesce a “farmi salire la scimmia”

Quello di Apple è uno degli eventi più attesi dell'anno, eppure ogni anno non mi entusiasma come vorrei. Vi spiego perché.

SCRITTO DA Pubblicato il

Ieri Apple ha presentato molti nuovi prodotti tra cui i nuovi iPhone. Per quanto il melafonino sia il device più influente della casa di Cupertino, anche gli altri prodotti si sono rivelati interessanti per alcune delle loro possibilità.

Tuttavia Apple ultimamente non ha presentato nulla di così completo o azzeccato da “farmi salire la scimmia”. In un evento interessante e ricco come in Apple non si vedeva da diverso tempo, l’azienda della mela morsicata ha presentato così tanta roba al punto da non dedicare un minuscolo spazietto al nuovo iPad mini 4, che avrà la stessa componentistica hardware di iPad Air 2 ma in dimensioni mini, così come ha solo annunciato il rilascio di iOS 9 senza esplorarne nel dettaglio tutte le novità.

Ma guardiamo più nel dettaglio tutte le novità di cui si è parlato ieri durante l’Apple Event.

Apple Watch

Apple watch

Riguardo l’Apple Watch c’è poco da dire, si è parlato di un’ottimizzazione delle applicazioni che finalmente dovrebbero essere veloci e scattanti come Apple ci ha abituato. Oltre ciò, ci sono nuove colorazioni per il cinturino, addirittura in abbinamento cromatico con le cover per iPhone, per spillare ancora più soldi dai fashion-addicted (in quanto questa categoria è ghiotta di prodotti Apple). Staremo a vedere, per ora non si possono esprimere giudizi.

iPad Pro

ipad pro

L’iPad Pro è certamente il prodotto più “controverso” di tutto l’evento. Onestamente è difficile collocare questo dispositivo: è sicuramente una risposta agli ultimi super tablet pensati per la produttività, vedi i tablet Galaxy da 12 pollici e il Lenovo Yoga Tablet 2 Pro da 13 pollici (recensito qualche mese fa in anteprima italiana). Tuttavia sono prodotti al momento non paragonabili, sia per le possibilità e la flessibilità che un tablet Android offre (penso ai file manager, all’espansione di memoria e alla possibilità OTG) ma soprattutto per il prezzo, 799 dollari per la versione 32GB obbligatoriamente non espandibile, per arrivare a 1000+ dollari per la versione da 128GB. Se contiamo che gli (ottimi) accessori come la tastiera e il pennino insieme costano più di 250 dollari, arriviamo a cifre esorbitanti, maggiori di Macbook Air e Surface Pro che per la produttività sono su un pianeta diverso.

Non riesco a capire il vero core di questo dispositivo: sembrerebbe perfetto per un utilizzo multimediale ma un tablet da 13 pollici di certo non è portatile o di facile utilizzo, oltre al fatto che costa un po’ troppo per essere un dispositivo da hobby. Può essere produttivo ma servirebbe almeno la tastiera da abbinare, che però è venduta a caro prezzo separatamente. In definitiva, un prodotto che è un gigantesco punto interrogativo.

apple pencil

Pencil e Smart Keyboard sono ottimi accessori, funzionali e ben pensati. Per Pencil però bisogna fare un appunto: si ricarica connettendola via lightning al nostro iPad, con una presa “maschio” presente sotto un piccolo tappo. Per me si romperà in men che non si dica. (E per quanto si possa fare la battuta sulla citazione “Who wants a stylus?” devo ammettere che su 13 pollici ci può stare).

Cosa mi piace

  • Schermo magnifico
  • Finalmente il multischermo su iPad
  • Prestazioni elevate per essere un tablet
  • Accessori per la produttività
  • Speaker ai 4 angoli per un audio superiore
  • Collegamento con Smart Keyboard tramite pin a contatto

Cosa non mi piace

  • Prezzi esorbitanti
  • Accessori non inclusi
  • Interfaccia non ottimizzata per le dimensioni (ancora la griglia 5×4 in home, really?)
  • Concorrenza in casa con Macbook Air e fuori casa con Surface Pro, entrambi più adatti alla produttività
  • Ricarica Stylus di facile rottura

Apple TV

apple tv

Personalmente reputo l’Apple TV la sorpresa più piacevole di tutto l’evento. Finalmente un dispositivo davvero smart, non innovativo ma pensato per facilitare operazioni che spesso per abitudine non ci rendiamo conto di quanto siano macchinose.

La nuova interfaccia è davvero riuscita, adatta per un utilizzo su grandi schermi. Abbiamo un sistema operativo pensato appositamente per questo tipo di fruizione, con uno store già molto interessante: le app non mancano e sembrano già maggiori ma soprattutto fatte meglio rispetto a quelle di altri store presenti da diverso tempo. La presenza di un telecomando avanzato, con touchpad, microfono per utilizzare Siri e tanti sensori, eleva le possibilità di questo piccolo TV Box.

Ci sono due grossi “però”: il primo è che manca un ingresso USB, una cosa tanto semplice quanto stupida, una di quelle mancanze inspiegabili a cui Apple mi ha ormai abituato. Il secondo riguarda solo l’Italia, in quanto l’Apple TV italiana non avrà la possibilità di utilizzare Siri tramite il microfono del telecomando: tra le lingue supportate non figura infatti l’italiano. Resta da scoprire se questa mancanza sarà hardware o una semplice limitazione software, facilmente aggiornabile quando il pacchetto per l’italiano sarà disponibile. Spero ardentemente che si tratti della seconda ipotesi, altrimenti noi italiani avremo a che fare con un prodotto castrato, molto meno consigliabile.

I prezzi sono abbastanza onesti per essere prodotti Apple, 149 dollari per la versione 32GB e 199 per quella da 64GB. Anche qui, giudizio congelato.

Cosa mi piace

  • Nuovo OS pensato per i grandi schermi
  • Tante applicazioni, ottimi titoli e ben realizzati
  • Telecomando smart
  • Comandi vocali tramite Siri

Cosa non mi piace

  • Limitazioni per l’Italia
  • Mancanza inspiegabile di un ingresso USB

iPhone 6S/6S Plus

iphone 6s

I protagonisti principali e più attesi di ieri erano proprio loro, i nuovi iPhone. Esteticamente identici, (eccezion fatta per la variante rosa da sconsigliare come se non ci fosse un domani) sono invece abbastanza rinnovati in molti aspetti impossibili da notare a prima vista.

Iniziando dal 3D Touch, la variante “mobile” del Force Touch visto sull’ultimo Macbook, che porta nuove possibilità ma niente di rivoluzionario. Qualche widget rapido toccando le icone, la possibilità di vedere una specie di GIF toccando una foto scatta in modalità LIVE e la possibilità di vedere qualche anteprima rapida di foto o mail. Tutto molto figo, ma niente di strabiliante, almeno per il sottoscritto.

Molto più apprezzata la nuova fotocamera, che aumenta la propria risoluzione fino a 12 megapixel con maggiori dettagli e un’ottima resa (per quello che abbiamo potuto vedere) soprattutto per colori, range dinamico e assenza di rumore. Velocizzato l’autofocus e finalmente i video hanno risoluzione 4K (e la risoluzione può essere scelta!).

Tra gli accorgimenti “minori” troviamo un nuovo metallo per la scocca, di un alluminio molto meno “flessibile” per evitare spiacevoli #bendgate.

Inspiegabile la “cocciutaggine” di Apple a proporre come base il modello da 16GB, praticamente inutile con i nuovi giochi graficamente impegnativi e i video in 4K. Se volete un iPhone a prova di futuro non prendete questa versione base. Il che ci porta ad un altro problema, ossia i prezzi – soprattutto quelli che dovrebbero essere i prezzi per l’Italia: il nuovo rapporto dollaro-euro dovrebbe portare un incremento tra il 5 e il 7% dei prezzi, con il modello base (quello sconsigliabile di cui vi parlavo prima) che potrebbe partire da 769€, con la conseguenza che un iPhone senza compromessi in fatto di memoria vi potrebbe costare più di 900€. Follia.

Come se non bastasse, anche le nuove dimensioni della batteria di entrambi i dispositivi vede cattive notizie, in quanto leggermente inferiori a quelle dei precedenti modelli (che già non brillavano per longevità, almeno nella versione non Plus). Apple are you kidding us?

Cosa mi piace

  • Nuova costruzione anti-#bendgate
  • Nuova fotocamera migliorata capace di video in 4K
  • Implementazione smart del 3D Touch
  • Nuovo Touch ID più veloce nel riconoscimento

Cosa non mi piace

  • Colorazione rosa inguardabile (severo ma giusto)
  • Nuovi prezzi esorbitanti
  • Versione base ormai obsoleta, ancora da 16GB

Questi sono i miei pareri sull’Apple Event di ieri. Sono curioso di sentire la vostra, come giudicate i prodotti annunciati ieri? Fatemelo sapere nei commenti!


Se questo articolo ti è piaciuto, condividilo:
COMMENTA