E’ comparsa in rete un immagine di quello, a quanto si dice, dovrebbe essere un prossimo smartphone di Huawei, la casa cinese che si sta specializzando sempre di più nel mercato degli smartphone Android, con un display da ben 8.5 pollici. Il terminale potrebbe fare la comparsa nel prossimo futuro di Huawei e persino già dal CES 2013.

A questo punto non si addicerebbe nemmeno il termine phablet che è stato coniato per quegli smartphone che superano la soglia dei 5 pollici per la diagonale dello schermo. In questo caso, sempre che l’immagine sia vera, ci troveremmo con un tablet di dimensioni superiori al Nexus 7 e all’iPad Mini con funzioni telefoniche.

Come dovremmo chiamare uno smartphone che raggiunge queste dimensioni, il più grande phablet per ora è il Galaxy Note 2 di Samsung, avrebbe soprattutto senso arrivare a certe dimensioni? Già la faccenda di includere le funzioni telefoniche in un tablet hanno diviso gli utenti.

Huawei

Un phablet non è uno smartphone

Già arrivare ai 5 pollici compromette molto sul fronte della portabilità, andare addirittura oltre alla dimensione di un attuale tablet di fascia bassa per noi non avrebbe per nulla senso, si perderebbe tutto il senso della parola smartphone, avremmo a che fare con qualcosa che si pone in antitesi con il vero significato della denominazione della categoria.

Uno smartphone è qualcosa che dovrebbe avere la massima portabilità, dovrebbe entrare in ogni tasca e darci a disposizione una serie di funzioni, complementari a quelle che abbiamo imparato ad apprezzare con un PC o una fotocamera per esempio, riunendole in un solo device da usare quando non si ha a disposizione il mezzo principale.

Superare questo concetto ed arrivare a inserire in uno smartphone un display che attualmente no montano neanche i principali tablet meno costosi sarebbe un idea folle, tanto vale chiamarlo tablet, e non smartphone che invece dovrebbe racchiudere il vero e più alto senso del pocket PC, il PC tascabile.

La barriera dei 6 pollici comunque sembra che stia per essere superata sia da Samsung che da Huawei, dai quali ci si aspetta rispettivamente un Galaxy Note da 6.3 pollici e un phablet  Full HD da 6.1 pollici. Questi terminali, per pura opinione personale, andrebbero quindi a inserirsi in una categoria nuova che perde un po’ della comodità degli smartphone e ne aggiunge un’esperienza migliore grazie allo schermo più ampio, quelli che oggi chiamiamo in gergo phablet.

Ti invieremo un' email a settimana, puoi cancellare l'iscrizione in qualunque momento.

Potrebbe interessarti anche:


Partecipa alla discussione: