Le fabbriche di Apple in Cina stanno impiegando decine di migliaia di studenti, alcuni dei quali in stage forzati, per assemblare gli iPhone, secondo gli attivisti impegnati per migliorare le condizioni di lavoro nelle fabbriche Foxconn. Ci sarebbero anche studenti di 16 anni.

Il presidente della Foxconn, Terry Gou, capo della più grande catena di produzione della Cina del settore privato, con 1,2 milioni di lavoratori, ha promesso ieri di ridurre le ore e migliorare la paga dopo un report indipendente che ha trovato molteplici violazioni del diritto del lavoro nelle sue fabbriche.

Ma gli attivisti hanno accusato Apple, Foxconn e la Fair Labor Association (FLA), un’organizzazione di beneficenza che ha effettuato la revisione, di aver ignorato la questione dei tirocini forzati, in cui viene detto chiaramente che gli studenti non si laureeranno a meno che non spendano mesi di lavoro sulle linee di produzione, durante le vacanze.

Nel mese di dicembre, 1.500 studenti sono stati inviati da una sola scuola professionale in Henan, la provincia più popolosa della Cina, per lo stage presso lo stabilimento Zhengzhou Foxconn, che l’amministratore delegato di Apple, Tim Cook, ha visitato la scorsa settimana.

“La grave violazione di tirocinio forzato non è stata affrontata per niente,” ha detto Debby Cheng, responsabile progetti della Students and Scholars Against Corporate Misbehaviour (Sacom), dalla revisione Foxconn. “Hanno cercato di annacquare il problema”.

Gli studenti di infermieristica, lingue, musica e arte sono stati costretti a fare stage da tre a sei mesi, durante i quali erano soliti a 10 ore di lavoro al giorno sette giorni alla settimana, secondo Sacom e una serie di rapporti dei media cinesi.

Nell’estate del 2010, quando Foxconn era in crisi dopo diversi suicidi tra la manodopera nell’impianto di Shenzhen, 100.000 studenti delle scuole professionali sono stati inviati da Henan per tre mesi.

Gli insegnanti hanno detto agli studenti che dovevano partire, come ordinato dal governo provinciale, e che tutti coloro che si rifiutavano avrebbero dovuto abbandonare la scuola.

Foxconn, Apple e FLA non hanno risposto alle richieste di commento.

Ti invieremo un' email a settimana, puoi cancellare l'iscrizione in qualunque momento.

Potrebbe interessarti anche:


Partecipa alla discussione: