Il Face Unlock lo abbiamo visto per la prima volta su larga scala con l’arrivo di Android 4.0 ed ora sembra che HTC si sia aggiudicato il brevetto per questa tecnologia. Il primo device a beneficiare di questa funzione è stato il Galaxy Nexus anche se ora altri produttori quali Samsung lo hanno adottato nel  Samsung i9000 Galaxy S e Samsung i8150 Galaxy W con i Value Pack e l’aggiunta dell’occhiolino per lo sblocco. La situazione che si crea ora è molto curiosa: attualmente HTC non ha tecnologia di Face Unlock sui propri device e di certo non userà tale brevetto contro Google, ma potrebbe farlo verso altri competitor quali Samsung

Il brevetto copre il meccanismo del Face Unlock, ovvero “lo sblocco di un dispositivo tecnologico ( ovviamente tablet e smartphone) tramite l’uso di informazioni biometriche quale il riconoscimento del volto e o il finger-unlock tramite la lettura dell’impronta digitale”. Questo brevetto copre quindi anche lo sblocco con impronta digitale visto sull’Atrix di Motorola e da questo momento chi vorrà implementare tali funzioni sui propri dispositivi dovrà chiedere il permesso ad HTC.

La novità del Face Unlock ripetto a quello visto da Google è il fatto che se il device non riconosce la nostra faccia, ma inseriamo la password corretta, questo aggiungerà il nostro volto alle persone che possono accedere al device, in questo modo la prossima volta non ci sarà bisogno di mettere la password ma riconoscerà anche il nostro volto. C’è sempre da chiedersi se in questo modo il “trucchetto” della foto sia ancora valido. Da notare come il brevetto risalga originariamente al 2008, tanto da far pensare che potrebbe essere stato Google a trarre ispirazione per la sua versione su Android 4.0.

via


Partecipa alla discussione