Le notizie riguardano i “furti d’identità” su Facebook sono quasi illimitate e questo dato ovviamente non fa piacere al social network più usato al mondo. Ogni giorno si sentono di foto utilizzate per profili falsi o per notizie fake che possono portare spiacevoli conseguenze nella vita reale.

Facebook prova ad aggiungere un ulteriore livello di protezione per le nostre foto, rendendole “anti-scippo” ma al momento introducendole (senza apparente motivo) solo in India.

Questa nuova protezione offre un maggiore controllo su chi scarica o condivide le nostre immagini del profilo, e di conseguenza il numero di download dell’immagine diminuisce drasticamente con questo nuovo accorgimento (fino al 75% di copie in meno rispetto ad un’immagine non protetta).

La lista delle novità per la sicurezza degli utenti indiani è la seguente:

  • Non si potranno più scaricare, condividere o inviare le immagini del profilo in un messaggio su Messenger;
  • Se non siamo amici di un determinato utente non potremo taggare nessuno nel suo profilo;
  • Facebook impedirà l’acquisizione dello screenshot contenente l’immagine del profilo (al momento solo su Android);
  • L’immagine del profilo protetta presenterà una piccola cornice blu e l’icona di un piccolo scudo per segnalare che il contatto ha attivato gli strumenti contro la copia o la condivisione indesiderata della propria foto.

Ovviamente ci si aspetta che Facebook possa ampliare queste novità al di fuori del mercato indiano il prima possibile, anche perché non riusciamo a comprendere il motivo per cui questo strumento possa essere più utile in India rispetto al resto del mondo.

Fonte

Rimani aggiornato su offerte lampo ed errori di prezzo, seguici su Telegram!

Classe 90, da sempre appassionato a tutto ciò che è tecnologico. Ama gli sport e guardare telefilm fino a tarda notte.
Nel tempo libero si diletta nella fotografia e nel montaggio video, oltre a provare a nascondere il suo accento terrone senza grossi risultati.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.