Mark Zuckerberg e la sua azienda milionaria, divenuta ormai un mezzo di comunicazione irrinunciabile per quasi 800 milioni di utenti, sta per sbarcare a Wall Street, con quello che si annuncia l’evento finanziario dell’ anno.

Wall street attende l’ “initial public” con ansia. Le testate giornalistiche infatti vociferano che Zuckerberg stia cercando di raccogliere sul mercato 10 miliardi di dollari, per poi attribuire alla società un valore di ben 100 miliardi di dollari. Una cifra sbalorditiva, che lo è ancor di più se si pensa che sarebbe il quarto collocamento della storia dopo quelli di Visa, General Motors e AT&T Wireless.

Ma quale sarà l’impatto di questa operazione finanziaria sulla gestione del sito? Sarà sempre Zuckerberg a decidere di Facebook, o il genio di Harvard dovrà affidarsi a qualcuno di più esperto come fecero i fondatori di Google qualche anno fa, affidando il ruolo di  amministratore delegato ad Eric Schmidt? A dire la verità ci sembra alquanto improbabile una mossa del genere, anche perchè Facebook non è più una società fondata da semplici ragazzi, e se l’entrata in borsa si è fatta attendere tanto un motivo ci sarà. Ma si sa, a Wall Street mai dire mai.

Ti invieremo un' email a settimana, puoi cancellare l'iscrizione in qualunque momento.

Potrebbe interessarti anche:


Partecipa alla discussione: