A quasi un anno dalla pubblicazione del report sulle pessime condizioni di lavoro degli impiegati Foxcoon, negli stabilimenti in Cina che si occupano della produzione di dispositivi elettronici per vari partner mondiali (tra cui gli iPhone e gli iPad di Apple), il New York Times ha riportato oggi la notizia che la situazione sarebbe finalmente in fase di miglioramento.

Secondo il nuovo rapporto, l’incontro tra un ufficiale di “alto livello” di Apple e Foxconn avrebbe spinto i dirigenti dell’azienda taiwanese ad aumentare i salari e a ridurre l’orario di lavoro, riforme che entreranno in vigore già dal prossimo anno (o almeno ce lo auguriamo).

Altre modifiche al contratto includono miglioramenti per la sicurezza e il comfort delle fabbriche Foxconn, tra cui migliori sedie per i lavoratori.

Foxconn produce prodotti ( o pezzi di prodotti) per quasi tutte le principali aziende di elettronica, in primis di Apple, che si affida al produttore per la produzione totale della maggior parte dei propri dispositivi.

Fonte

Ti invieremo un' email a settimana, puoi cancellare l'iscrizione in qualunque momento.

Potrebbe interessarti anche:


Partecipa alla discussione: