Foxconn Technology Group, uno dei maggiori produttori di componenti informatici a livello mondiale, tra cui gli iPhone e gli iPad di Apple, dovrebbe subire un impatto limitato dall’esplosione del 20 maggio. La fabbrica Chengdu, dove si è verificato l’incidente non è infatti il sito principale di produzione.

Secondo le dichiarazioni di due analisti del centro di ricerca tecnologica Yanta Securities Co., Foxconn produrrebbe la maggior parte degli iPhone e degli iPad nello stabilimento in Shenzhen, Guangdong.

[quote]”La fabbrica Chengdu si dedica principalmente all’assemblaggio di computer, Foxconn è un produttore molto professionale e di grande esperienza e saprà affrontare il problema con adeguati aggiustamenti, in modo da minimizzare l’impatto sulla produzione”[/quote] ha dichiarato Vincent Chen, direttore del centro di ricerca.

Ricordiamo però che l’esplosione ha causato 2 vittime e 16 feriti e il fuoco è stato estinto solo diverse ore dopo;  dal canto suo Apple ha dichiarato di stare lavorando accanto a Foxconn per determinare le cause dell’incidente, per il quale si sentono profondamente addolorati.

Steve Downling, responsabile di Apple, non ha però commentato circa il possibile ritardo nella consegna di iPhone e iPad 2.

Gli investigatori di Chengdu per ora escludono che possa trattarsi di un’esplosione intenzionale.

Ti invieremo un' email a settimana, puoi cancellare l'iscrizione in qualunque momento.

Potrebbe interessarti anche:


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Scrivi il tuo nome