Che Windows 8 non fosse un successo commerciale, al contrario dei numeroni sbandierati da Microsoft, già lo sapevamo; le ipotesi e le cause del mezzo flop potete leggerle nel nostro approfondito editoriale.

Windows 8 e la domanda debole

Oggi arriva anche la conferma dai primi produttori; Fujitsu ha accusato pubblicato Microsoft, e in particolare l’ultima incarnazione del sistema operativo Windows, delle scarse vendite di PC nell’ultimo trimestre dell’anno. Il periodo natalizio ha sempre coinciso con un buon numero di unità di computer fissi e notebook venduti, ma quest’anno, come previsto, il numero di dispositivi Windows 8 venduti è stato molto basso, a tutto vantaggio dei dispositivi mobili come smartphone e tablet, che hanno invece fatto registrare un nuovo record.

Molte aziende produttrici hanno puntato il dito contro Windows 8 e la sua nuova interfaccia metro, giudicata dannosa e improduttiva. Secondo un rapporto di Bloomberg , il presidente di Fujitsu Masami Yamamoto ha sottolineato che la domanda “debole” per Windows 8 è uno dei motivi per cui Fujitsu, e con lei molte altre aziende produttrici, non raggiungerà il suo obiettivo di vendite per la nuova gamma di computer nel 2012.

Microsoft accusa i produttori

Microsoft ha risposto puntando il dito contro i produttori, affermando che la colpa non è di Windows 8, ma dei dispositivi poco allettanti. Come prova Microsoft sbandiera le tante attivazioni di Windows 8 sui vecchi pc (ma ricordiamo che nella stragrande maggior parte dei casi si tratta di aggiornamenti gratuiti o di pochi euro) e il successo commerciale del tablet-ultrabook Surface, prodotto da Microsoft stessa.

Chi ha ragione secondo voi?

Fonte

Ti invieremo un' email a settimana, puoi cancellare l'iscrizione in qualunque momento.

Potrebbe interessarti anche:


Partecipa alla discussione: