Partiamo dalla notizia brutta: i due accessori non sembrano intenzionati a raggiungere le nostre latitudini, almeno per il momento. All’evento Google, l’azienda americana non si è limitata a presentare solo i nuovi Google Pixel 2 e Pixel 2 XL. Sono stati svelati, anche, due accessori, Pixel Buds e Google Clips, accomunati dalla presenza in entrambi i dispositivi di Google Assistant.

Pixel Buds

Gli auricolari Made By Google sono wireless e sfruttano una tecnologia di accoppiamento con lo smartphone più avanzata rispetto alla semplice connessione Bluetooth, con lo scopo di migliorare la stabilità del pairing e la semplicità di accoppiamento tra i due dispositivi. Il nuovo prodotto si comanda tramite gestures sull’auricolare destro: ad esempio, con uno swype verso l’alto o verso il basso è possibile alzare o abbassare il volume.

Ciò che maggiormente intriga è l’implementazione nativa di Google Assistant. L’assistente di Google permette non solo di impostare promemoria o di riprodurre la musica, ma è anche in grado di fornire traduzioni in tempo reale da/a quaranta lingue, sfruttando Google Translate.

Le cuffie offrono 5 ore di autonomia, grazie ad una batteria da 120 mAh, e si ricaricano attraverso la custodia con batteria integrata. I Google Pixel Buds hanno un costo di 159 dollari e sono disponibili da subito nelle medesime colorazioni di Google Pixel 2: Kinda Blue, Just Black e Clearly White.

Google Clips

Compatta e curata dal punto di vista del design, Google Clips può rientrare nella categoria delle action cam, anche se in questo caso è opportuno dare maggiori spiegazioni al riguardo. La sua caratteristica principale è che, essendo dotata di intelligenza artificiale, basta piazzarla in un punto preciso perchè registri in maniera automatica i momenti più interessanti della vita quotidiana.

Google Clips, infatti, è in grado di capire quando sta accadendo qualcosa che vale la pena immortalare e, di conseguenza, avvia la registrazione di clip, attraverso la funzione Moment IQ.

Non sono dei video tradizionali, piuttosto si tratta di clip di alcuni secondi, catturate senza audio. Una soluzione sicuramente particolare, che si discosta per filosofia dalle proposte della concorrenza. E’ opportuno sottolineare che, in ogni caso, si possono registrare filmati agendo manualmente, attraverso il pairing con lo smartphone Pixel.

Il campo di visione della camera è di 130 gradi e registra a 15 FPS. La batteria integrata garantisce 3 ore di cattura video ed è possibile ricaricarla mediante la porta USB Type-C. Il sensore è dotato di autofocus ed è costituito da pixel da 1,55 micron, grandi abbastanza per catturare immagini in maniera soddisfacente anche in condizione di scarsa luminosità.

GeekMall: il nuovo store Italiano per la tecnologia Cinese! Sconto di 10€ per i nostri lettori!
Magazzino in Italia, garanzia Italiana e vasta selezione di prodotti sono i punti di forza di GeekMall.it

Chiudiamo la disamina sottolineando che sono 16 i GB a disposizione per lo storage e che il collegamento tramite Wi-Fi Direct con Google Clips non è garantito con tutti gli smartphone con a bordo Android: si parla, infatti, dei soli Pixel, del Galaxy S7 ed S8 con Nougat e dei recenti iPhone (iPhone 6, 6s, 7, 8 ed iPhone X). Google Clips è in preordine negli USA già da ora a 249 dollari. Si attendono informazioni più precise per quanto concerne una possibile vendita dei due prodotti anche sul territorio italiano!

Ti invieremo un' email a settimana, puoi cancellare l'iscrizione in qualunque momento.

Potrebbe interessarti anche:


Partecipa alla discussione: