Google ha aggiornato le linee guida del Material Design introducendo alcune importanti novità che sicuramente non mancheranno di tornare utili agli sviluppatori interessati a realizzare o tradurre app in questo nuovo stile visuale, aggiungendo anche ulteriori sezioni, di cui una ad esempio dedicata alla descrizione del modo in cui devono essere strutturati i menu delle impostazioni, ed aggiornando inoltre tutta una serie di risorse già presenti in precedenza. A questo indirizzo troverete tutte le novità discusse nel dettaglio.
material design
Di seguito vi riportiamo un breve elenco dei principali argomenti:

  • Tabelle dati: Qui si spiega come gestire correttamente un set di dati contenuto in una tabella, soprattutto nei prodotti desktop.
  • Unità e misure: questa è invece una guida dettagliata alle unità di misura utilizzate nel Material Design, come ad esempio Density-independent pixel, Scaleable pixel etc.
  • Pulsanti flottante d’azione: In questa sezione sono state raccolte tutte le informazioni riguardanti i pulsanti flottanti, come comportamento e transizioni.
  • Struttura delle app: dove sono forniti i suggerimenti per una navigazione ottimale all’interno della propria app.
  • Component sticker sheet for After Effects: raccoglie tutte le indicazioni per semplificare il flusso di lavoro per la progettazione dei movimenti e degli effetti di animazione.

Infine come detto sono state aggiornate anche le indicazioni riguardanti elementi come la tipografia, le schede, i dialoghi, i tab e lo scorrimento. Comunque, nonostante Google abbia pubblicato solo ora le nuove linee guida, alcuni sviluppatori, come ad esempio quelli di WhatsApp, hanno autonomamente aggiornato lo stile della propria app ai dettami di Android 5.0 Lollipop.

Via
Ti invieremo un' email a settimana, puoi cancellare l'iscrizione in qualunque momento.

Potrebbe interessarti anche:


Partecipa alla discussione: