Immaginate un sistema di Car Sharing che integri le linee dei servizi di trasporto pubblici già esistenti in tutte le città. Treni, bus e linee metropolitane che sicuramente non hanno una fermata nelle immediate vicinanze del luogo verso il quale siete diretti potrebbero facilmente essere integrati da una linea di questo tipo.

Se ci aggiungiamo poi dei veicoli elettrici estremamente comodi e compatti di Toyota, a impatto zero senza emissione diretta di gas tossici, a bassa rumorosità ecco che questo servizio potrebbe diventare il miglior Car Sharing cittadino che si possa realizzare per risolvere il problema “dell’ultimo miglio”. Si tratta di Ha:mo che Toyota ha implementato inizialmente in una fase sperimentale nella città Francese di Grenoble.

Screen Shot 2015-03-06 at 12.40.10

Il colosso Giapponese ha messo a disposizione della città 70 nuovi veicoli ultracompatti ed elettrici di due modelli: i-Road, un tandem a due posti con tre ruote e un motore rigorosamente elettrico e Toyota COMS con singolo passeggero, 4 ruote e un piccolo bagagliaio per gli effetti personali del momentaneo utilizzatore.

Un servizio così all’avanguardia non può non avere, nell’era del mondo smart, un sistema informatico alle spalle. Si parla in questo caso dello One-Mile Mobility Management System che tramite app permetterà agli utenti di trovare e prenotare i veicoli disponibili per il Car Sharing. Il sistema intelligente, inoltre, permetterà un’allocazione dinamica di questi veicoli a seconda del loro livello di carica nelle stazioni.

Screen Shot 2015-03-06 at 12.39.56 Screen Shot 2015-03-06 at 12.39.51

I vantaggi rispetto ai servizi di Car Sharing tradizionali sono notevoli. Primo fra tutti sono i veicoli di Toyota, piccoli, compatti che occupano fino ad un quarto dello spazio richiesto da una normale auto, con una curva di apprendimento simile a quella di uno sciatore con tutti i vantaggi di un auto e di una moto. Ma ovviamente non possiamo non citare l’efficienza e il lato “verde” di questi veicoli ad emissioni zero e a bassa rumorosità, perfetti persino per un centro storico abitato.

Hamo Car Sharing Toyota Schema

Il prgetto partito in Francia per una sperimentazione ci dà un’assaggio di quello che saranno le smart cities del futuro e proprio Grenoble rappresenta una delle città più innovative sul fronte dei servizi al cittadino ponendala sin dall’inizio nella prima posizione tra le città candidate al progetto del CarSharing Ha:mo.

Tutte le informazioni sul progetto di Toyota sono disponibili tramite il portale dedicato a questo progetto che potete trovare a questo link.

Vi invitiamo anche a seguire la pagina Facebook del progetto per maggiori info.

Di seguito trovate il video dedicato alla presentazione:

Non ci resta che augurarci di vedere questa rivoluzione dei trasporti anche nel nostro paese, possibilmente in tempi brevi. Un plauso a Toyota per l’idea e per l’avanguardia tecnologica dei suoi prodotti.

Articolo Sponsorizzato da Toyota

Fonte
Ti invieremo un' email a settimana, puoi cancellare l'iscrizione in qualunque momento.

Potrebbe interessarti anche:


Partecipa alla discussione: