HTC One X è stato il top di gamma del produttore per la seconda metà del 2012 ed è uno dei pochi smartphone ad essere stato commercializzato con il potente processore Nvidia Tegra 3 quad-core. Come consuetudine da un pò di tempo HTC propone una versione potenziata e migliorata del suo top di gamma sul finire dell’anno in modo da cercare di raggiungere un esperienza utente quanto più affidabile e piacevole possibile, e così è stato anche per HTC One X+ che è andato a risolvere sia vari problemini software sia problemi hardware, come una batteria maggiorata, del suo gemello HTC One X.

HTC ONE X+ – Videorecensione

HTC ONE X+ – DISPLAY

Uno dei display più belli mai visti su dispositivi mobile. Stiamo parlando di un 4.7 pollici Super LCD 2 HD con una risoluzione di 1280 x 720 pixel. L’aspect ratio è di 15:9 e abbiamo una densità di pixel per pollice pari a 312. Non fermiamoci però alla scheda tecnica poiché il display non teme il confronto anche con dispositivi di risoluzione maggiore sia per resa cromatica, angolo di visione e definizione.

HTC One X+ - Display

Il vetro è un Gorilla Glass 2 e oltre ad essere super resistenza da un ottimo effetto olio (o burro come preferisce Google) quando vi facciamo scorrere il dito sopra e ciò non fa altro che aumentare il feeling col dispositivo. Il vetro è anche leggermente curvato alle estremità il che aiuta a rendere il dispositivo più elegante.

HTC One X + 1

All’interno  del menu impostazioni non abbiamo particolari voci che si discostano dalle solite per quanto riguarda la gestione del display, quindi nessuna gestione per l’utilizzo coi guanti oppure per la luminosità quando siamo all’aperto. Proprio riguardo a quest’ultima possiamo dirvi che si mantiene un pelo al di sopra della media, il che è ottimo se utilizziamo molto il dispositivo all’aperto e sotto la luce del sole ma risulta scomodo se siamo in luoghi più scuri poichè potrebbe risultare fastidioso.

HTC ONE X+ – UTILIZZO E SOFTWARE

HTC One X+ ha in dote l’ormai collaudata UI Sense 4+ che diventa molto più stabile, molto più reattiva e più incentrata sull’utente in modo da rendere semplice ogni operazione e intuitiva ogni minima funzione. L’aspetto grafico è molto piacevole e strizza l’occhio sia all’utenza consumer che a quella professional.

HTC One X+ Home

La home si compone di 5 pagine, fino ad un massimo di 7, e ovviamente non possiamo far altro che sbizzarrirci a personalizzarle con i numerosissimi widget preinstallati all’interno di questo HTC One X+. La lockscreen si presenta sempre con le 4 icone in basso per lo l’accesso rapido e lo sblocco con l’anello.Purtroppo le icone che abbiamo nella dock sono le stesse che ci ritroveremo nella lockscreen quindi scordatevi di poter cambiarle come avveniva nella Sense 3.0

HTC One x+ Lockscreen

Purtroppo ancora niente per la percentuale della batteria e i comandi rapidi nel menù a tendina. Fortunatamente quando il dispositivo verrà aggiornato ad Android 4.2.2 e Sense 5 il produttore provvederà a questa mancanza che durava da fin troppo tempo.

HTC One X+ UI

Ovviamente, come HTC ci ha da sempre abituato, Sense significa anche grande possibilità di personalizzazione e nella versione 4+ di questa UI ciò non viene smentito e abbiamo molti profili, settaggi, skin e sfondi da poter usare per avere ogni giorno uno smartphone diverso o meglio uno smartphone sempre adatto alle varie esigenze che abbiamo nella vita personale o lavorativa che sia. Godiamoceli visto che con la Sense 5 HTC ha eliminato alcune di queste personalizzazioni così tanto gradite, in favore però di una maggiore stabilità e velocità del sistema.

HTC One X+ UI 2

L’elevata personalizzazione della Sense 4+ passa anche per i widget che come da tradizioni sono numerosi e ben curati che han fatto un pò la fortuna della Sense di HTC! Uno su tutti il widget del meteo che in accoppiata alle animazioni ha sempre lasciato un pò tutti a bocca aperta.

HTC ONE X+ – MULTIMEDIA

Poche o forse nessuna pecca per questo dispositivo sul lato multimediale. Sul lato fotografico nulla da dire. La Sense offre sicuramente la più completa interfaccia fotografica (esclusa forse quella che troviamo sul Samsung Galaxy S4) e ci da la possibilità di scegliere fra molti settaggi, impostazioni e personalizzazioni direttamente dalla schermata di scatto.

HTC One X+ Fotocamera

In più la comodità di avere interfaccia fotografica e video in un unica schermata è molto utile, soprattutto se si deve passare rapidamente da una funzione all’altra. In più qui manteniamo la possibilità di scattare foto durante la registrazione video che avviene fino a 1080p quindi FULL HD a 30 FPS.

Molto completa anche la galleria fotografica che appena aperta ci offre l’opportunità di scegliere fra:

  • galleria fotografica,
  • galleria Facebook,
  • galleria Dropbox,
  • galleria Flickr,
  • galleria Picasa,
  • galleria SkyDrive.

IMAG0039

IMAG0033

IMAG0031

IMAG0038

IMAG0036“Tappando” sui riquadri avremo l’opportunità di andare a visualizzare le varie foto. Un aspetto sempre più social della galleria multimediale della Sense che può essere noioso per chi non ha un anima social ma che al contrario risulta molto utile per chi vuole il proprio mondo virtuale sempre a portata di mano con un semplice tap.

HTC One X+ Lettore Musicale

Stesso aspetto della galleria lo ritroviamo anche nel player musicale di HTC che si presenta come uno dei migliori e più completi, superato solo da da quello della Sense 5. Avremo l’opportunità quindi di andare a scegliere fra:

  • musica presente in locale sul dispositivo,
  • musica eventualmente scaricata da SoundHound,
  • accedere a TuneIn Radio,
  • andare sullo store di 7digital.

HTC One X+ Audio

Lo speaker è di dimensioni abbastanza grandi il che si traduce in un audio abbastanza potente e di una qualità nitida, di sicuro superiore alla media. Non va dimenticata l’importante partnership con Beats Audio e quindi la possibilità di attivare, inserendo le cuffie, l’equalizzazione Beats che ci rende l’audio più ricco di bassi e più profondo.

HTC ONE X+ – BROWSER INTERNET

In una parola: ottimo. Queste le nostre impressioni sul browser di HTC One X+ che senza grossi problemi potrebbe competere con tutti i top di gamma commercializzati nel 2013. Il Project Butter introdotto con Android Jelly Bean svolge al meglio il suo compito e rende il browser impeccabile. Trattandosi del browser stock abbiamo anche l’opportunità di utilizzare il flash player che è preinstallato all’interno di questo HTC One X+ che non rallenta più di tanto le performance del dispositivo.

HTC One X+ Browser

Caricamento fulmineo, fluidità eccelsa. Anche il caricamento con più pagine in background non da problemi. Cosa comodissima della Sense è l’adattamento automatico del testo anche quando effettuiamo il pinch to zoom, a memoria ci sembra l’unico dispositivo che permetta di farlo.   Unica critica che possiamo fare è la mancanza di eliminare l’ultima pagina presente ma doverne aprire sempre una nuova e procedere all’eliminazione della penultima. Per il resto non possiamo fare che i complimenti ad HTC.

HTC ONE X+ – PARTE OFFICE  E AUTONOMIA

Anche sul comparto office è molto curato e collegato ai nostri programmi cloud. La suite è  Come abbiamo già detto la Sense 4+ arriva a coprire e migliorare ogni aspetto di Android. La parte di lettura e modifica dei file è affidata a Polaris Office che in passato su qualche dispositivo ci ha creato qualche grattacapo ma qui ha letto tranquillamente tutti i file word o excel di test.

HTC One X+ Office

Qualche dubbio ce lo siamo posti sull’autonomia visto che quella di HTC One X non ci aveva entusiasmato certo. Qui però possiamo fare affidamento su ben 300 mAH in più che possono davvero fare la differenza, considerando anche che il processore ha subito un innalzamento di 200 MHz a core. Nonostante ciò con un utilizzo di:

  • facebook che si sincronizza automaticamente ogni 30 minuti,
  • twitter che si sincronizza automaticamente ogni 15 minuti,
  • 2 account google che si sincronizzano in automatico,
  • client instagram che si sincronizza in automatico,
  • molto utilizzo di whatsapp,
  • quasi 1.5 ore di chiamate al giorno,
  • circa 80 minuti di browser web,
  • passatempi come giochi,

La batteria ci ha portati a poco prima di cena, quindi intorno alle 19 di sera. Intelligente il risparmio energetico, che si attiva forzatamente quando la batteria è al 15% ma che ci permette di scegliere su quale settore del telefono agire per risparmiare enrgia. Non elevato come lo Stamina Mode di Sony Xperia Z ma comunque uno dei migliori visti. L’autonomia aumenta di circa 1 ora se lo teniamo attivato quando il dispositivo scende sotto la soglia del 40%.

DSC_0146

HTC ONE X+ – CONCLUSIONI

Andando un pò controtendenza, abbiamo avuto modo di provare per prima HTC One, top di gamma indiscusso del 2013. In seguito, viziati da Htc One, siamo passati ad HTC One X+ e ovviamente si potrebbe pensare che l’esperienza di questo dispositivo penalizzasse HTC One X+:  non è stato così. Per quanto  l’esperienza non è paragonabile al nuovo arrivato per via dell’hardware migliore e dell’ eccellente ottimizzazione software,  HTC ha fatto un ottimo lavoro con Htc one X+ cercando il giusto equilibrio fra potenza hardware, velocità software e stabilità. Tutto ciò si tramuta in una piacevolissima esperienza d’utilizzo.

HTC One X+

L’unica pecca è l’autonomia, dove il produttore avrebbe potuto sicuramente fare un lavoro migliore anche se molto è imputabile al Tegra 3 che nel 2012 è stato molto criticato per via dei suoi surriscaldamenti e cattiva gestione del consumo energetico: siamo tuttavia fiduciosi in Android 4.2.2 e Sense 5 che potrebbe portare una ventata di ottimizzazioni a Htc One +.

Un dispositivo che ora consigliamo vivamente all’utenza poiché ha subito un drastico calo di prezzo (699€ di listino) e lo si può tranquillamente trovare intorno ai 399€  considerando che parliamo di un dispositivo con ben 64 GB di memoria interna, una fotocamera da 8 megapixel e un software ben ottimizzato non fa sembrare certo enorme la spesa da affrontare.

HTC One X+ –  Rapporto qualità – prezzo

Il prezzo di listino di 699€ avrebbe fatto impallidire la maggior parte degli utenti intenzionati all’acquisto di questo dispositivo e di certo non han neanche avvantaggiato il dispositivo ad ingraziarsi il pubblico. (S)Fortuna vuole che ultimamente i dispositivi Android subiscano un calo di prezzi a distanza di non molto tempo dall’uscita e quindi un posizionamento sui 399€ è più che ottimo e -ad oggi-  fa oscillare in positivo la bilancia del rapporto qualità prezzo.

PRO

  • prestazioni,
  • display,
  • memoria interna.

CONTRO

  • surriscaldamento del processore,
  • sicurezza di aggiornamento dopo Android 4.2.2 e Sense 5,
  • led di notifica non personalizzabile.

Si ringrazia l’ufficio stampa HTC Italia per il sample testato

Rimani aggiornato in tempo reale sulle offerte tech grazie al nostro canale Telegram!

Ti invieremo un' email a settimana, puoi cancellare l'iscrizione in qualunque momento.

Potrebbe interessarti anche:


LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here