Huawei eletto miglior produttore 2016 dagli utenti di Techzilla

Strategia aggressiva e ricerca tecnologica sono i punti cardini degli ottimi risultati di Huawei

SCRITTO DA Pubblicato il

La scorsa settimana avevamo proposto il nostro usuale sondaggio di fine anno, dove oltre ai migliori prodotti del 2016 vi abbiamo invitato ad esprimere la preferenza su un altro aspetto molto importante di questo anno che si è appena concluso, ovvero quale sia stato il produttore che si è maggior contraddistinto nel corso dei 12 mesi appena trascorsi.

Ora che le votazioni si sono concluse possiamo incoronare il vincitore di questo anno e secondo i nostri utenti il premio spetta indubbiamente a HUAWEI. Qui sotto potete vedere i risultati della votazione e nello specifico vediamo come Huawei abbia raccolto il favore unanime di questo 2016 che si è appena concluso portandosi a casa il 30% delle preferenze dei nostri utenti.

Migliori produttori Mobile 2016 per gli utenti Techzilla

  1. Huawei (29,8%)
  2. Samsung (19,8%)
  3. Xiaomi (10,7%)
  4. Apple (9,9%)
  5. One Plus (9,1%)

I numeri del successo di Huawei

Personalmente non posso che ritenermi in linea con quanto espresso dalle votazioni dei nostri utenti e questa vittoria di Huawei è un altro traguardo guadagnato in 12 mesi trascorsi tra diversi annunci di prodotti interessanti, una strategia di marketing aggressiva e costante oltre a profitti da record.

Già perché nell’anno che si è appena concluso Huawei ha potuto festeggiare un anno molto positivo infatti Huawei Consumer Business Group ha di recente pubblicato i risultati del 2016. Le previsioni dichiarano vendite record per circa 24 miliardi di euro. Se guardiamo al 2015 possiamo constatare un incremento del 42% dei ricavi  mentre le unità vendute sfiorano i 140 milioni di dispositivi, ovvero il 29% in più dell’anno precedente. Già queste cifre da sole ci fanno capire quanto Huawei sia riuscita a muoversi a testa alta in un mercato sempre più aggressivo ( sopratutto nel proprio territorio Natale ) infatti il solo mercato Asiatico conta il più grande bacino di utenza con una competizione interna fervida.

Il segreto del successo? Innovazione e prodotti maturi

Design, prestazioni e prezzi aggressivi. Questo il segreto di HuaweiEra Ottobre 2013 quando abbiamo messo alla prova il Huawei P6, un prodotto interessante ma che ancora non era in grado di rendere giustizia agli intenti del produttore sopratutto per un chipset proprietario non ancora maturo rispetto alla concorrenza di 3 anni fa. Già perché saprete benissimo che Huawei è oramai da diverso tempo al lavoro con i propri chipset Kirin prodotti da HiSilicon e se ci guardiamo alle spalle vediamo l’enorme progresso tecnologico che ha fatto Huawei in questo settore con i nuovi Chipset Kirin 955 e 960 ( che sono presenti su Huawei P9 e Mate 9 ) che sono ad oggi tra le soluzioni più solide presenti sul mercato sia in termini di performance che di risparmio energetico.

In soli 3 anni Huawei ha fatto passi da giganti che si sono mostrati timidamente con un Huawei Ascend P7 che ha iniziato a mostrare la stoffa dell’azienda nonostante non fosse ancora del tutto maturo per il suo tempo ed è solo l’anno successivo, nel 2015, che Huawei svela un Huawei P8 che finalmente poteva battersi a testa alta tra i principali competitor dell’epoca, quando Samsung e Apple facevano ancora da padroni del mercato e  non solo per i prodotti ma anche per la percezione del brand, non a caso era il periodo in cui Huawei aveva lanciato il simpatico video per far vedere come si pronuncia il nome HUAWEI.

Huawei investe moltissimo in ricerca, con oltre 40 centri in tutto il mondo (18 in Europa, uno vicino a Milano) spendendo più di Apple.

Continuiamo a spingere sull’innovazione tecnologia, non c’è altra strada. Produciamo in proprio i microprocessori e ne arriveranno di nuova generazione. Così come per gli schermi e le fotocamere.

Huawei Mate 9

5.9

Huawei Hisilicon Kirin 960 Octa-Core

4 GB

64 GB Espandibile

20Mp

Android 7.0 Nougat + EMUI 5.0

Trovaprezzi: 539,00€ su logo offerta trovaprezzi

Huawei ha infatti da sempre investito cifre enormi nel settore R&D, stupendo i consumatori con innovazioni e scelte quasi sempre azzeccate e apprezzate. Una delle cose più sorprendenti è constatare come in soli 3 anni l’azienda di Richard Yu sai riuscita a creare un ecosistema fruibile da tutti, infatti non stiamo parlando solo di smartphone, ma Huawei ha saputo gestire a 360° tutto il panorama mobile a partire dagli smartwatch e le smartband fino ad arrivare ai MateBook.

Oggi i cavalli di battaglia di Huawei, ovvero Huawei P9, Mate 9 e P9 Lite sono tre prodotti estremamente maturi e completi che grazie al mix tra prestazioni, design e collocazione di prezzo possono reputarsi tra i migliori prodotti delle relative categorie come dimostrato anche dalle nostre recensioni di Huawei P9 e Huawei Mate 9 senza tralasciare l’impegno con Android e la sua EMUI e le nuove tendenze come il Machine Learning che troviamo nel Mate 9. Ma forse il terreno più fertile dell’azienda è sempre stata la fascia mid-range e non a caso i modelli “Lite” come Huawei P8 Lite e Huawei P9 Lite sono tra i migliori smartphone Android che possiamo portarci a casa nella loro fascia di prezzo: minimali, eleganti, funzionali, con ottime prestazioni e con un supporto software e di customer center che sono sempre presenti ed attenti.

Il ceo della divisione Consumer ha infatti le idee ben chiare sul futuro:

«Offrire prodotti all’altezza  dei migliori rivali ma a metà del loro prezzo. Nel 2018 superiamo Apple, in 5 anni anche Samsung».

Huawei ha sempre avuto una strategia ben delineata e non è un segreto che come ogni altra grande azienda i suoi principali demoni siano stati proprio e Apple e Samsung da cui ha cercato sempre di attingere ai pregi e difetti di ognuna al fine di offrire un’esperienza migliore per gli utenti. Ma mentre nel 2013, nonostante le risorse a disposizione, sembravano due brand così distanti, oggi la tendenza sembra decisamente invertita. Se chiediamo a Richard Yu il segreto del successo dei propri smartphone la risposta è tanto semplice quanto completa:

La gente vuole innanzitutto batterie che durino il più possibile. Ci sono applicazioni che consumano molto, come Pokemon Go. Poi ci chiedono fotocamere di qualità e per questo che ci siamo alleati con un marchio storico come Leica inoltre la gente vuole un telefono super, all’altezza dei migliori concorrenti, ma a metà del prezzo. I nostri prodotti devono essere semplicemente meglio della concorrenza».

Già perché la formula Design Elegante + Prestazioni + Prezzo competitivo è la formula vincente con cui l’azienda è riuscita anno dopo anno a proporre dispositivi che sono stati in grado di attirare l’interesse di una fetta di consumatori sempre maggiore. Non a caso la scelta di dare vita anche al Brand Honor, che nonostante l’età più giovane e le vendite effettuate esclusivamente online ha già saputo affermarsi come best-buy per i prodotti che offre e che condividono hardware e software con Huawei.

Huawei P9

5.2

Kirin 955 (4 x Cortex-A72 da 2.5GHz; 4 x Cortex-A53 da 1.8GHz) + coprocessore i5

3 GB

32 GB Espandibile

12Mp

6.0 con EMUI 4.1

Guarda le offerte su: Amazon.it logo offerta amazon
Trovaprezzi: 349,00€ su logo offerta trovaprezzi

A nostro avviso non possiamo che essere in linea con la preferenza espressa dai nostri utenti e lavorando a contatto con Huawei abbiamo potuto constatare una costante crescita del brand, sopratutto in Italia. Già perché forse non tutti sanno che L’Italia è uno dei paesi che più velocemente ha adottato i prodotti Huawei in un periodo dove le scelte proposte erano sempre le stesse. Il Tallone d’Achille di Huawei è stata la percezione del brand, infatti la reputazione di un’azienda in un nuovo mercato è un aspetto da coltivare pazientemente e con moltissima cura, che si estende sopratutto al segmento marketing.

Se guardiamo indietro al 2013 il brand Huawei era ancora associato ( in maniera quasi dispregiativa ndr. ) al “Telefono Cinese”. Un pregiudizio che in soli 3 anni Huawei ha saputo ribaltare, osando e trasformando questa affermazione in un punto di forza. Anche gli utenti ora lo sanno benissimo e tutto questo non sarebbe stato possibile con un’azienda poco attenta al mercato e alle esigenze di ogni singolo paese, già perché ogni utente ha richieste diverse ed è per questo che il portfolio di Huawei è così folto e allo stesso tempo molte dispositivi sono disponibili solo in alcuni paesi.

Oggi Huawei è tra i principali innovatori del segmento IT ( non dimentichiamoci la grande esperienza nel settore delle telecomunicazioni intese come router e antenne ) e  e il posto che si è guadagnata è più legittimo. Sappiamo già che il 2017 ci riserverà tantissime sorprese e già non vediamo l’ora di sapere cosa ci riserverà per questo inizio di anno.

Un Plauso a Huawei che ha saputo dimostrare che design e innovazione sono il mix vincente per il settore mobile.


Se questo articolo ti è piaciuto, condividilo:


COMMENTA