HiSilicon, il colosso dei semiconduttori cinese posseduto da Huawei, ha presentato oggi il nuovo SoC Kirin 960, che grazie ad un forte miglioramento nelle performance grafiche e energetiche va a posizionarsi un gradino sopra la concorrenza. Il phablet Huawei Mate 9, che dovrebbe essere presentato nel corso di un evento che si terrà il 3 novembre, sarà il primo device ad impiegare la nuova soluzione sviluppata da HiSilicon.

kirin-960-2-768x432

Il nuovo chipset è realizzato con un processo produttivo FinFET a 16nm da TSMC proprio come il precedente Kirin 955, ma a differenza di esso farà uso di nuove componenti. Il Kirin 960 è infatti il primo SoC a utilizzare l’architettura quad-core ARM Cortex-A73; HiSilicon è riuscita dunque nell’intento di anticipare Qualcomm, MediaTek e Samsung Electronics, sfornando un chip con CPU octa-core formata da un quad-core Cortex-A73 e da un quad-core Cortex-A53. L’azienda promette un incremento prestazionale del 15% e soprattutto prestazioni costanti: l’architettura Cortex-A73 risulta infatti più efficiente di quella Cortex-A72, rispetto alla quale riduce l’emissione di calore e, di conseguenza, il throttling (ovvero la riduzione automatica delle frequenze di clock).

Kirin 960 è inoltre uno dei primi chip a fare uso della nuova GPU Bitfrost di ARM (ovvero Mali-G71 MP8): rispetto alla GPU T880 utilizzata dal Kirin 955, Exynos 8, Helio X25 e altri chip si ha una riduzione del consumo energetico ed un incremento del numero di core, che passa da 4 a 8. Il salto prestazionale è da capogiro: Bitfrost è in grado di sprigionare performance pari al 180% rispetto a quelle offerte dal precedente top di gamma e di ridurre i consumi del 20%.

Le novità non finiscono qui: Kirin 960 introduce il supporto per la tecnologia di storage UFS 2.1 e per la RAM LPDDR4 e incorpora un modem LTE Cat. 12/13 (velocità in downlink/uplink pari a 600/150Mbps). Non manca naturalmente il supporto per le reti CDMA in previsione della diffusione di prodotti all’interno del mercato cinese e statunitense. L’ISP (Image Signal Processor) è stato infine aggiornato per offrire una migliore qualità delle immagini.

Via
Fonte

Partecipa alla discussione