L’ infrastruttura cloud di Amazon, nota per i costi ragionevoli e per l’alta flessibilità, ha visto in pochi anni una grande crescita e sta silenziosamente diventando un elemento fondamentale di Internet.

Secondo una ricerca condotta da DeepField Networks, un terzo del milione di utenti preso in esame dalla ricerca, visita un sito web che utilizza l’infrastruttura di Amazon ogni giorno. Amazon ormai non è più solo un rivenditore e uno shop online, l’azienda si sta evolvendo, diventando “un programma di utilità di massa” che è responsabile per l’1% di tutto il traffico Internet in Nord America, secondo Craig Labovitz, il co-fondatore di DeepField.

“Mia madre, ad esempio, ha sentito parlare di Facebook. Ha sentito parlare di Google. Lei compra roba da Amazon. Ma non credo che la maggior parte della gente si renda conto quanto pervasiva Amazon stia diventando. Il numero di siti web che sparirebbero se Amazon dovesse crollare, e la crescente pervasività di Amazon dietro le quinte, è davvero impressionante.”

La società conta 762 miliardi di oggetti archiviati nel suo cloud storage S3 lo scorso anno, tre volte il numero degli oggetti memorizzati nel 2010, e gestisce diversi datacenter sulla West Coast, in tutta Europa, in Virginia, Singapore e Tokyo.

Per più informazioni vi rimando al sito ufficiale del servizio cloud di Amazon: http://aws.amazon.com/s3/

Ti invieremo un' email a settimana, puoi cancellare l'iscrizione in qualunque momento.

Potrebbe interessarti anche:


Partecipa alla discussione: