Catastrofismo ingiustificato. Non mi viene altro modo per definire l’ondata di articoli che stanno invadendo la rete sul presunto lunedì nero di internet che, secondo testate autorevolissime, “rischia di far sparire il web”.

Ma che succede Lunedì? C’è veramente il rischio Apocalisse? (giuro, è il titolo di repubblica.it). I fatti: 275 mila computer sembrano essere i computer infetti da questo virus, non particolarmente complicato, cambia i dns al pc, e cioè quel servizio che trasforma gli indirizzi IP in stringhe alfanumeriche, ad esempio convertendo il nostro indirizzo IP del server olandese, che nessuno si ricorderebbe mai, nel più noto www.techzilla.it. Una volta fatto questo il virus ridirige l’utente a siti di sua scelta.

275.000 pc sono pochi, quelli europei infetti potrebbero essere sui 100-150.000, quelli italiani sui 30-40.000, tenendoci larghissimi con le stime. La probabilità che il vostro PC sia infetti è comunque molto bassa, talmente bassa da rendere ingiustificabile un articolo catastrofista come quello di repubblica.it, che parla di (cito testualmente):

[quote] “Addio Internet: chiunque cercherà di avventurarsi sui siti più famosi di tutto il mondo, da Facebook ad Apple, passando per gli indirizzi perfino dell’Fbi, sarà sbattuto fuori dal world wide web. Www non più: fuori. “[/quote]

Il virus, DNSChanger, è in grado di infettare PC Windows e Mac e come se non bastasse sembrerebbe che dietro tutto questo ci sia l’FBI: insomma la trama per un bel thriller c’è tutta. Negli Stati Uniti le grandi compagnie come At&T hanno già preannunciato di aver predisposto server di emergenza per ridirigere il traffico dei computer colpiti. Se ci pensiamo i computer infetti sono poche centinaia di migliaia, pochi se paragonati ai milioni colpiti da Zeus, SpyEye e gli altri virus più contagiosi degli ultimi anni. In definitiva il virus esiste ma è poco diffuso e non fa niente di “trascendentale” se non modificare i DNS dei pc infetti.

Come verificare se sei infetto

Tanto per verificare che abbiate i DNS impostati bene potete utilizzare il seguente strumento: http://www.dns-ok.it/. Se il risultato è una bella schermata verde non avete nulla da temere, altrimenti attrezzatevi con un buon antivirus, ma di certo non aspettatevi che lunedì arrivino carri di fuoco a frustare il vostro computer. Fateci sapere se siete tra i disperati che da lunedì torneranno all’età della pietra.

Ti invieremo un' email a settimana, puoi cancellare l'iscrizione in qualunque momento.

Potrebbe interessarti anche:


Partecipa alla discussione: