Apple ha veramente lanciato la moda dell’assistente vocale e abbiamo visto come molti, piccoli e grandi produttori si stanno dando da fare per creare un rivale degno per Siri.

Attualmente solo Google con il suo Majel potrebbe dare pensiero alla mela di Tim Cook, tuttavia anche Intel vuole inserire un assistente vocale nei propri ultrabook e per farlo ha richiesto la partnership di uno dei “big” del settore. Nuance lo ricorderete sicuramente per la suite Dragon Naturally Speaking, leader indiscusso per il riconoscimento vocale su computer Desktop e recentemente molto agguerrito con l’acquisizione di Vlingo e Swype, che ha permesso di unire alle gesture della tastiera Swype il proprio riconoscitore vocale.

“Ultranbook non vuol dire solo prestazioni ma anche semplicità d’utilizzo” – con queste parole  Mooly Eden di Intel ha svelato i piani per introdurre un assistente vocale nei prossimi Ultrabook. Il suo scopo sarà quello di avviare programmi, gestire calendari e impegni, comporre numeri con skype e e-mail semplicemente con la voce ed in maniera naturale.

via

Ti invieremo un' email a settimana, puoi cancellare l'iscrizione in qualunque momento.

Potrebbe interessarti anche:


Partecipa alla discussione: