A quanto pare tutto l’odio provato nei confronti dell’ecosistema Androdi da parte dell’ EC-CEO di Google Steve Jobs non era poi così veritiero, ma si trattava principalmente di uno “show”  nei confronti del rivale di Mountain View. La conferma arriverebbe dal CEO di Google Larry Page, che in una recente intervista al Bloomberg Businessweek ha chiarito dei suoi incontri con Steve:

Credo che  le differenze così marcate di Apple e Android da parte di Steve fossero per “show”. Non posso dire di aver frequentato molto Steve Jobs, tuttavia lo vedevo periodicamente. Durante l’ultimo periodo della sua malattia è stato proprio lui ad inviarmi un’email chiedendomi di incontrarci per una chiacchierata. Ovviamente ho accettato e l’ho preso come un onore il fatto che avesse voluto trascorrere del tempo con me nonostante la sua malattia, piuttosto che restare in famiglia. Coem sempre aveva interessanti idee su come gestire un’azienda ed è principalmente di quello che abbiamo parlato.

Larry ha continuato spiegando che secondo lui tutta la “furia” che Steve ha annunciato pubblicamente nei confronti di Android era solo una maschera che molte aziende usano: avere un nemico serve ai propri interessi e a fidelizzare meglio gli utenti. Ricordiamo che Steve affermo diverse volte in passato che avrebbe “tentato di distruggere in ogni modo Android”.

Insomma, sembra proprio che gli opposti si attraggano alla fine e che forse non vi è tutta questa rivalità tra i due colossi. Pensate anche voi alle voci sullo “show” o nella reale rivalità tra i due?

[box_light]A poche ore da queste affermazioni, il biografo di Steve Jobs ha voluto dire la sua.[/box_light]

via

Ti invieremo un' email a settimana, puoi cancellare l'iscrizione in qualunque momento.

Potrebbe interessarti anche:


Partecipa alla discussione: