Il caso delle condizione di lavoro alle Fabbriche Cinesi della Foxconn, dove vengono prodotti gli iPad di Apple, hanno suscitato molta attenzione mediatica, forse anche troppa. Proprio per questo il CEO Apple, Tim Cook, ha voluto sfatare queste voci permettendo all’associazione FLA di entrare nelle fabbriche Foxconn ed eseguire analisi e reportage in maniera autonoma sulle condizioni di vita all’interno della fabbrica e la sua ripercussione sui lavoratori impiegati nel processo produttivo dei prodotti Apple. L’associazione per l’equo lavoro continuerà le analisi per molti mesi, ma i primi riscontri sembrano positivi.

Nel frattempo, anche l’emittente Americana ABC ha avuto il consenso esclusivo da Apple e Foxconn per aggirarsi all’interno delle fabbriche e preparare un documentario che andrà in onda questo giovedì sulle reti USA.Nel frattempo l’emittente ha creato un piccolo video introduttivo all’evento che mostra il presentatore Bill Weir parlare con alcuni dipendenti che spiegano come la fatica mentale derivi proprio dalla monotonia dei compiti che devono svolgere. Il filmato mostra inoltre una fila di  cittadini che sono fuori dalla fabbrica per cercare di ottenere un posto di lavoro alla Foxconn.

Dobbiamo ricordare che la Foxconn è il secondo fornitore di posti di lavoro dopo lo stesso governo Cinese e produce materiali anche per Sony, Dell, HP, Motorola e Microsoft: tuttavia il documentario è proprio incentrato sul ruolo di Apple con l’azienda. Sarà sicuramente una puntata molto seguita dai cittadini Americani che potrebbe rafforzare il lavoro della FLA e smentire ( o accertare ) una volta per tutte le condizioni lavorative della Foxconn. A seguire il “trailer” del documentario della ABC

video platformvideo managementvideo solutionsvideo player

Rimani aggiornato in tempo reale sulle offerte tech grazie al nostro canale Telegram!

Ti invieremo un' email a settimana, puoi cancellare l'iscrizione in qualunque momento.

Potrebbe interessarti anche:


LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here