L’esercito degli Stati Uniti sta impiegando fondi per $57 milioni di dollari per creare quello che sarà il videogioco più realistico della storia, e stanno usando il motore di Crysis 2.
Uscito in commercio ormai da qualche mese, Crysis 2 ha fatto molto parlare di sè in particolar modo per la potenza grafica del Cryengine 3, il cuore pulsante dell’eccelsa grafica del titolo. L’esercito USA sta potenziando il motore grafico per creare un’esperienza di gioco che va ben oltre l’attuale Crysis o Call of Duty.

L’esercito statunitense sta sviluppando questa tecnologia per permettere un allenamento immersivo che si avvicini quanto più possibile alla realtà, con possibilità di muoversi a 360° e di interagire con i propri compagni. La nuova tecnologia è chiamata Dismounted Soldier Training System (DSTS) e permetterà già dall’inizio del 2012 di avere 102 sistemi da impiegare per l’allenamento delle proprie truppe. Floyd West, direttore del dipartimento tattico di Orlando ha così commentato il Cryengine:

[quote]”Con il Crytech3 utilizzato per Crysis 2 e le capacità che il motore grafico offre, ci permetterà di creare il più realistico simulatore mai creato. Siamo in grado di trasportare i soldati in ambientazioni ricreate nei minimi dettagli come l’Afghanistan e l’Iraq, ricreando ogni cosa: dai più piccoli dettagli grafici ai suoni a 360° “[/quote]

Ogni soldato avrà un equipaggiamento che permetterà la simulazione e l’interfacciamento con gli altri soldati. Ognuno si potrà muovere in un’area di 10×10 piedi e avrà un  elmetto ed un visore per entrare nel gioco, oltre ad un sistema audio che riprodurrà i suoi a 360° come nella vita reale. I componenti usati non sono l’ultimo trovato tecnologico in fatto di potenza: verranno infatti usati componenti commerciali come schede video nVidia.

L’obiettivo è quello di creare simulazioni di guerra quanto più realistiche per addestrare i soldati ad affrontare gli stessi scenari nella vita reale. L’esperienza quanto più vicino alla realtà è quindi il punto chiave della riuscita del progetto. E’ interessante vedere come progetti sviluppati per intrattenere i videogiocatori possano trovare altri impieghi più pratici e ben lontani dallo scopo iniziale del produttore. O forse neanche troppo visto che sia gli USA che Electronics Arts mirano a rendere l’esperienza il più reale possibile. Ecco infine un “trailer” del progetto:

 

 

httpv://www.youtube.com/watch?v=OglCqZq3pcE

Via

Ti invieremo un' email a settimana, puoi cancellare l'iscrizione in qualunque momento.

Potrebbe interessarti anche:


Partecipa alla discussione: