Mai come adesso c’è stata così tanta competizione nel mondo degli smartphone. Apple o Android, la guerra infinita. Per quanto riguarda i dispositivi Android poi, scegliere fra i vari modelli è diventata una vera e propria odissea. E così si cercano informazioni, recensioni su internet che ci possano aiutare nell’ardua scelta di uno smartphone.

Oggi vi proponiamo la recensione dell’LG Optimus Black P970. Il marchio LG ha voluto dare un nome ad effetto a questo smartphone per distinguerlo da una semplice sigla, perché possa essere ricordato per il suo particolare design.

L’Oprimus Black è uno smartphone di fascia medio-alta, il prezzo si aggira intorno ai 250-400€ a seconda del canale di vendita, se tramite internet o al negozio. Il design è sicuramente quello che colpisce di più, è stato curato in ogni particolare, rendendolo decisamente elegante e piacevole sia al tatto che alla vista.

L’eleganza di questo telefono si nota già dalla confezione: un piccolo cofanetto nero, tipo portagioie, anche se il contenuto rimane sempre lo stesso. All’interno troviamo infatti un caricabatteria con cavo USB, auricolari in-ear con un piccolo tasto per le chiamate, un manuale e una micro-SD da 2Gb.

Aspetto e design

Come abbiamo detto, dal punto di vista del design, la casa LG ha curato molto l’aspetto esteriore, stando molto attenta ai particolari. Gli angoli sono smussati e la cover posteriore è in plastica porosa non lucida e riporta delle rientranze nei lati che rendono l’impugnatura ancora più comoda.

Il display da 4″ è in vetro Gorilla Glass e grazie alla tecnologia NOVA la resa delle immagini e dei colori è molto buona, la luminosità arriva fino a 700 nit con il vantaggio di mantenere bassi i consumi della batteria e inoltre offre un’ottima visione anche con una luminosità diretta del sole. Certo non siamo ai livelli dello schermo di iPhone o di Sansung Galaxy SII che utilizza la tecnologia Super Amoled Plus in cui il nero è veramente nero, però non possiamo certo lamentarci con una risoluzione 800×480 px.

Sul lato superiore troviamo l’entrata jack da 3.5, l’entrata micro-USB coperta da un piccolo sportellino scorrevole e il pulsante di accensione/sblocco. Sul lato sinistro troviamo i pulsanti per il volume e un altro pulsante personalizzabile, il G-Key. Tenendo premuto questo tasto e scuotendo l’Optimus Back si eseguiranno particolari funzioni senza dover navigare nel menù; sarà possibile ad esempio passare al brano successivo durante la riproduzione dei brani musicali, attivare la fotocamera da telefono in stand-by, sfogliare gli album fotografici senza toccare il display e tante altre. All’inizio divertente, ma alla fine poco utile. Nel lato inferiore vi è una piccola fessura per poter aprire il vano posteriore della batteria.

Sul retro troviamo la fotocamera da 5 Mpx a flash singolo con autofocus, con la piccola scritta Google accanto. In basso a sinistra si trova l’altoparlante che però viene facilmente coperto mentre si tiene in mano il dispositivo. Sulla parte frontale, sotto lo schermo da 4″, troviamo i consueti 4 tasti, tutti touch e retroilluminati, che rappresentano i comandi di “opzioni”, “home”, “indietro” e “ricerca” rispettivamente partendo da sinistra verso destra e che si illuminano di blu quando vengono toccati. Inoltre sopra il display troviamo una fotocamera da 2 Mpx che possiamo utilizzare comodamente per le videochiamate oltre che, ovviamente, per fare foto.

Le dimensioni sono perfette: né troppo grande né troppo piccolo. E’ maneggevole, comodo da usare e da infilare in tasca. Le dimensioni sono: 121mm di lunghezza, 63,5mm di larghezza e 9,2mm di spessore. E’ abbastanza leggero, pesa solamente 109 grammi. Insomma un ottimo compromesso per chi vuole uno schermo abbastanza grande per la lettura e un dispositivo compatto e leggero per un comodo utilizzo.

Ti invieremo un' email a settimana, puoi cancellare l'iscrizione in qualunque momento.

Potrebbe interessarti anche:


Partecipa alla discussione: