Si sapeva che non ci sarebbero stati particolari colpi di scena da parte di LG al MWC. Secondo l’azienda coreana, le tecnologia presenti non permettono ancora di portare sul mercato un flagship innovativo, che possa distaccarsi per novità dai top di gamma del 2017. Per questo motivo LG punta tutto sul software, in particolare sull’intelligenza artificiale, intraprendendo, di fatto, la strada già iniziata da alcune aziende concorrenti.

LG V30 – Android Oreo e ThinQ

LG V30 e V30+ riceveranno ad aprile la nuova versione del software Android, Oreo 8.0, arricchita di novità che prendono il nome di ThinQ, soluzione di intelligenza artificiale per fotocamera e per riconoscimento vocale.

Al MWC, dunque, LG presenta Vision AI, il corposo update software al reparto fotografico, il quale comprende tre nuove funzionalità:

  • AI CAM Esamina i soggetti presenti nell’inquadratura e li riconosce, suggerendo la modalità di scatto ottimale (ritratto, animali, paesaggio, cibo, città, alba, tramonto e fiore). La fotocamera, in automatico, interviene per modificare alcuni parametri, quali colore, riflessi, saturazione, illuminazione ed altri per risaltare le caratteristiche del soggetto inquadrato;
  • Brigh Mode La funzione è particolarmente interessante, perché viene chiamata in causa in condizione di illuminazione esterna scarsa, contesto in cui tutti gli smartphone attuali, anche i top di gamma, faticano. L’intelligenza artificiale, in questo caso, attiva un algoritmo che combina i pixel del sensore e li elabora per ottenere una luminosità doppia nelle foto catturate;
  • QLens Non si tratta di una vera novità. La concorrenza ha già fatto qualcosa di simile. In ogni caso, l’AI integrato nel software riconosce gli oggetti inquadrati per dare informazioni, in seguito, su dove acquistarli o per suggerire articoli simili.

Voice AI rappresenta l’altro ambito in cui l’intelligenza artificiale interviene. Comunicando con Google Assistant, i nuovi comandi vocali di LG permetteranno di gestire le impostazioni del terminale solo con la voce, consentendo, al contempo, di utilizzare l’input con il dito per gestire app di terze parti. Voice AI, inizialmente, funzionerà solo in lingua inglese.

LG V30s ThinQ

In realtà LG ha presentato anche LG V30s, non un terminale nuovo, bensì un’edizione speciale del V30. Presenta le stesse caratteristiche tecniche della famiglia V30 (V30 e V30+), ma integra già Oreo con ThinQ, 256GB di ROM e 6GB di memoria RAM. Lo smartphone è in mostra al MWC, ma non arriverà nel nostro Paese.

Ti invieremo un' email a settimana, puoi cancellare l'iscrizione in qualunque momento.

Potrebbe interessarti anche:


Partecipa alla discussione: