Si sente parlare di droni in qualsiasi contesto, ormai. Pare che diventeranno uno strumento primario nel prossimo futuro. Grandi aziende ci credono e finanziano startup, a partire da Amazon, che ha l’intenzione di utilizzare i droni per consegnare pacchi ai clienti. L’ultima notizia è che anche Microsoft ha investito capitali in una giovane startup che realizza velivoli radiocomandati.

Airobotics – Soldi da investire nella ricerca

Sono 32,5 i milioni di dollari che sono finiti nelle casse della startup, provenienti da tanti finanziatori, tra i quali spunta anche Microsoft Ventures. Airobotics produce droni industriali completamente automatizzati, ovvero in grado di cambiare batteria autonomamente e ricaricarsi, raccogliere/consegnare un carico e gestire le emergenze in volo.

I proventi economici dai finanziatori serviranno alla startup per aprire una divisione “Homeland Security and Defense“, oltre ad avviare la nuova iniziativa “Airobotics Safe Cities“, la quale prevede l’impiego di droni in caso di situazioni di emergenza in ambienti urbani.

Il CEO e fondatore della società, Ran Krauss, ha dichiarato che il fine di Airobotics è quello di eliminare il pilota dall’equazione, al fine di incrementare il potenziale dei droni. I finanziamenti, come quello di Microsoft Ventures, hanno lo scopo di stimolare la ricerca verso una strumento che ha il potenziale di modificare in modo profondo lo stile di vita delle persone e l’approccio verso il lavoro.

Microsoft, dunque, vede nei droni uno strumento potente per cambiare e migliorare la vita nelle città. Si spera che l’investimento profuso dalla casa di Redmond serva per far crescere e consacrare Airobotics!

Via

Partecipa alla discussione