1. Introduzione

In questo periodo stiamo assistendo ad un rapido boom dei dispositivi per il fitness, sopratutto sotto forma di fascia da indossare al polso. Il 2013 aveva visto le prime aziende cimentarsi ( con successo ) in questo nuove mercato che ben presto ha attirato anche le attenzione dei grossi produttori di smartphone che stanno associando ai propri dispositivi varie bande in gradi di tracciare la nostra attività fisica e, più in generale, il nostro stile di vita.

Misfit Shine – Video

Mentre lo scorso anno potevano scegliere solo tra una manciata di produttori, oggi il panorama si è nettamente allargato e i dispositivi indossabili sono diventati parte integrante delle nostre vite. Fondamentalmente lo scopo di questi accessori è quello di monitorare la nostra attività attraverso dei sensori, dati che poi vengono scaricati su una piattaforma web o più comunemente un’applicazione sul nostro smartphone in modo da poter analizzare i dati. Oltre a tracciare parametri come numero di calorie bruciate, chilometri percorsi, tempo di inattività etc. questi dispositivi sono quasi tutti in gradi di monitorare anche la qualità del nostro sonno sfruttando gli stessi sensori e fornendoci una panoramica più completa del nostro lifestyle.

In questo mercato in rapido fermento non è quindi facile riuscire a distinguersi con tutta la concorrenza presente, ma quello che vi presentiamo oggi è un fitness tracker molto particolare che fa del suo punto di forza il design minimale e compatto.

Ecco Shine, il fitness tracker di Misfit.

Logo-und-Shine

Quello che a prima vista sembra un bottone di metallo è in realtà un piccolo dispositivo che racchiude una batteria, vari sensori e un chip bluetooth per trasferire i dati. Grande come una moneta da 2€, il piccolo Shine è frutto di Misfit Wereables, un’azienda che ha lanciato il progetto su Indiegogo per raccogliere 100.000$ per l’inizio della produzione di Shine. Il progetto è stato sin da subito apprezzato dagli utenti del sito di crowfounding, tanto che la campagna si è conclusa con il traguardo di $846,675.

Come promesso l’azienda, con sede a San Francisco ha canalizzato queste risorse per dare vita a Shine, un elegante tacker di metallo dal design semplice e pulito che non vuole seguire la massa ma che cerca altri punti di contatto per distinguersi. Ci sarà riuscito? Ecco la nostra prova del piccolo Misfit Shine.

2. Specifiche Tecniche

  • Dimensioni: 27.5mm (diametro), 3.3mm (altezza)
  • Peso: Meno di 10g
  • Batteria: A bottone; durata fino a 4 mesi
  • Compatibilità: iOS e Android 4.3 e superiori, necessario Bluetooth LE
  • Accessori: Clip magnetica per attaccarlo ai vestiti e banda di gomma stile orologio

3.Packaging

Anche la confezione del piccolo Shine non lascia spazio a dubbi sulla strada intrapresa dall’azienda. La confezione è minimale, in toni bianco e neri con lo shine che trionfa al centro della confezione, in questo modo l’acquirente potrà avere subito un’idea delle dimensioni effettive del dispositivo.

Screenshot_1

Il contenuto della confezione include tutto il necessario per iniziare subito ad utilizzare Shine. Al suo interno troviamo infatti:

  • 1 x Shine activity tracker
  • 1 x spillo per aprire il dispositivo
  • 1 x pila a bottone
  • manualistica
  • 1 x clip magnetica per attaccare Shine a maglietta o scarpe
  • 1 x fascia gommosa per il polso, stile orologio

IMG_4198

4.Design & Materiali

Una grande differenza rispetto agli altri tracker è la sua forma circolare e la scelta di materiali metallici. Questo permette all’utente una vasta personalizzazione, infatti non saremo limitati nell’indossare Shine al polso, anzi, il produttore mette a disposizione vari accessori per poterlo indossare anche come collana, come orologio, attaccato ai jeans grazie ad una clip, sulle scarpe o anche in un taschino della maglietta che utilizziamo per andare a correre.

La portabilità e l’elenganza di Shine sono già il primo segno che contraddistingue questo dispositivo: l’utente non sarà infatti limitato a portarlo al polso come la maggior parte degli altri activity tracker, ma si adatta a diventare un piccolo gioiello tecnologico da appendere dove vogliamo, volendo anche come orecchino grazie anche al peso modesto di 10g.

Come abbiamo nella parte introduttiva di questo articolo, lo Shine vuole farsi notare tra la massa grazie al suo design e la scelta dei materiali. Piccolo, di metallo, leggero e tremendamente minimale. Ecco il biglietto da visita di Shine che grazie ai materiali nobili e al suo design è completamente impermeabile, infatti può essere utilizzato anche per tracciare la nostra attività nella vasca di una piscina.

340288842e0b9346141093862666a6fc

Già a prima vista ci siamo innamorati della sua forma sinuosa ma al contempo molta solida, conferita dalla scelta di un materiale di metallo rispetto alla più-abusata plastica. Questo conferisce al Misfit Shine un design sobrio ed elegante, con una parte superiore di metallo opaco dove  e nella parte inferiore il medesimo design, con la sola aggiunta del logo Misfit e di un piccolo indicatore per capire quale è la parte superiore.

Possiamo dire senza dubbio che in campo di design, materiali e versatilità, attualmente lo Shine è il fitness tracker più elegante. Grazie inoltre alla sua forma di progettazione e i vari accessori, ogni utente potrà adattarlo al suo stile di vita, portandolo al polso, al collo o sulle scarpe con il quale corriamo.

Shine è disponibile nelle colorazioni grigio, jet black, blu topazio, champagne e rosso, quest’ultimo esclusiva dell’Apple Store.

Shine Blu Topazio
Shine Blu Topazio

5. Funzionamento

Shine è molto semplice da utilizzare e tutto quello di cui avremo bisogno è un dispositivo iOS o Android. Prestiamo particolare attenzione sopratutto all’ecosistema Android nel momento che scegliamo di acquistare Shine: per funzionare richiede la tecnologia BLE ( Bluetooth Low Energy ) che attualmente sta venendo introdotta solo con i top-gamma dei vari produttori sugli smartphone. Questo significa che con dispositivi di fascia medio/bassa o anche top-gamma dello scorso anno non funzionerà. Tra i dispositivi supportati troviamo Galaxy S4, Galaxy S5, Htc One, HTC M8, LG G2, Xperia Z, Xperia Z2, Nexus 5 e i dispositivi che stanno uscendo in questo periodo come Huawei P7. Piena compatibilità con gli iDevice di Apple, ma se siamo su un dispositivo Android assicuriamoci di avere BLE altrimenti non potremo installare l’applicazione dal Play Store.

IMG_4353

La prima volta che utilizzeremo Shine dovremo aprire il dispositivo col la clip di metallo inclusa nella confezione. A suo interno troveremo solamente un vano vuoto dove dovremo collocare la batteria a bottone. Quando lo abbiamo aperto la prima volta siamo rimasti un pò sorpresi dalla scelta del metodo di alimentazione.

“Possibile che nel 2014 si adoperino ancora batteria usa e getta piuttosto che una al litio ricaricabile?”

Fortunatamente abbiamo trovato ben presto risposta al nostra perplessità. La batteria a bottone, unita alla tecnologia Bluetooth LE assicura il funzionamento di Shine per circa 4 mesi. Si, avete letto proprio bene, quattro mesi.

Come vi avevamo detto all’inizio, Misfit cerca di distinguersi dalla massa degli Activity Tracker con scelte diverse da quelle che il mercato offre in questo settore e la scelta dell’alimentazione del Misfit ne è un esempio. Tutti i fitness tracker in commercio con batteria ricaricabile hanno una durata media di 7-14 giorni di autonomia. In questo modo, anche se dovremo spendere una manciata di euro ogni quadrimestre, Shine ci assicura un funzionamento senza pensieri per diversi mesi, senza essere necessariamente dipendenti da una fonte di energia per ricaricare il nostro tracker. Una scelta molto particolare ma che alla fine ci è piaciuta poiché non ci distrae con l’ansia del “sta per finire la batteria devo ricaricarla” ma è una procedura che dovremo effettuare circa 3 volte all’anno.

Misfit_Shine

Una volta collocata la batteria e richiuso, Shine è pronto all’utilizzo. Tutto quello che dovremo fare è scaricare l’app dal rispettivo store per dispositivi Apple o dal PlayStore nel caso abbiamo un terminale con Android.

Misfit
Misfit
Price: Free+
Misfit
Misfit
Price: Free+

Una volta scaricata ed installata, basterà aprirla e effettuare il login/registrazione con Facebook, Google+ o tramite un più comune indirizzo di posta elettronica. A questo punto dovremo associare il nostro Shine all’applicazione seguendo le istruzioni a schermo e in questo modo saremo pronti a lasciare che Shine si occupi del resto. Per interagire con Shine abbiamo un solo modo, ovvero facendo dei “tap” sulla sue superficie. Ecco il funzionamento:

  • 2 tap su Shine: viene mostrato l’avanzamento del nostro obbiettivo grazie ai 12 led bianchi. Dopodiché ci verrà mostrato l’orologio sempre attraverso l’illuminazione dei 12 LED. Nota: l’ordine di apparizione dell’obbiettivo e dell’orologio può essere invertito dall’applicazione.
  • 3 tap su Shine: viene cambiata/abilitata l’altra modalità, configurabile attraverso l’app. In questo caso potrebbe trattarsi della modalità “nuoto” o “ciclismo”. Dovremo sempre utilizzare l’app per cambiare l’impostazione corrente.

Screenshot_5

Una delle peculiarità di Shine, a differenza della grande maggioranza degli altri activity tracker, è che non dovremo eseguire operazioni particolari per fargli tracciare la qualità del nostro sonno. Interpreterà automaticamente quando siamo “inattivi” abilitando il tracciamento quando andiamo a dormire. Se indossiamo Shine al polso grazie al laccio incluso (e di conseguenza vogliamo leggere l’ora) facciamo attenzione a collocare l’indicatore delle ore 12/24 in alto. Questo piccolo segno si trova sulla parte posteriore e serve a indicare quale sia il verso corretto per metterlo al polso.

Misfit Shine

6.Funzionalità e Prestazioni

In qualsiasi momento vogliamo possiamo aprire l’applicazione e sincronizzare i dati di Shine, scaricandoli nel nostro account e quindi rendendoli accessibili anche se dovessimo cambiare dispositivo. Quello che dobbiamo capire è che questi dispositivi funzionano principalmente come “motivatori”, ovvero ci presentano i dati raccolti nella giornata facendoci percepire quale sia effettivamente il nostro stile di vita e di conseguenza permettendoci di adattarci ad essi o cambiare alcune abitudini. C’è chi poi utilizza attivamente questi activity tracker per il proprio allenamento, in modo da tenere traccia dei chilometri percorsi, delle calorie bruciate, del tempo di inattività e della qualità del sonno, permettendo di incrociare questi dati e vedere quali sono i trend del nostro stile di vita.

misfit-wearables-shine-app-daily2Quello che abbiamo potuto constatare dai nostri test è che allo stato attuale ( Maggio 2014 ) l’applicazione per iOS è nettamente più completa di quella Android, infatti quest’ultima si limita a fornire solo i valori dell’obbiettivo, dei passi, del sonno senza fornire validi strumenti per analizzare queste informazioni in modo più approfondito. Ovviamente siamo convinti che questa sia una situazione temporanea, ovvero, ci aspettiamo di ricevere un aggiornamento della versione Android nei prossimi mesi che miri a livellare le funzionalità delle due piattaforme. Per questa recensione ci baseremo quindi sulla versione più completa dell’app, quella di iOS, suggerendo tuttavia agli acquirenti Android di verificare prima dell’acquisto lo stato dell’app per Android in quanto allo stato attuale non rende giustizia alle potenzialità di Shine, essendo molto indietro a quella iOS e anche agli altri competitor per lo stesso Android.

Screenshot_2

L’app è estremamente minimale e anche da questo vediamo come si adatti allo stile del piccolo Shine. Al primo avvio dovremo impostare alcuni dati su di noi ( età, peso etc.) ed un’obbiettivo che di dafault è impostato a 10.000 punti. Questi punti sono il frutto della nostra attività giornaliera, in particolar modo i passi che abbiamo percorso nella giornata. Quando interagiremo con un doppio-tap su Shine, i 12 Led bianchi lampeggeranno in base alla percentuale del nostro obbiettivo completato.

Se ad esempio impostiamo un obbiettivo di 14.000 punti, Shine lampeggerà con 6 led bianchi per indicarci che siamo sui 7000 punti, ovvero metà del nostro traguardo. Infine dovremo dire all’app dove indosseremo shine, in modo da avere un tracciamento più preciso dell’attività.

Possiamo impostare anche obbiettivi di peso o di sonno che ci verranno poi notificati dall’app di Shine. Come abbiamo detto l’app per iPhone è attualmente più curata e sopratutto più completa di funzionalità. Sotto iOS possiamo infatti taggare le attività prima di iniziarle in modo da assicurarci che tracci quello che vogliamo. Questa purtroppo non è un’opzione per Android e questo rende lo shine meno appetibile per gli utenti Android almeno fino a quando le due versioni non saranno identiche. Dovremo fare un triplo “tap” su Shine per dirgli di iniziare il tracciamento dell’attività e Shine ci confermerà l’esecuzione del comando con i 12 LED che lampeggeranno in un pattern dal basso verso l’alto.

IMG_4354

Di default il triplo-tap attiverà la modalità sonno. Shine può registrare una sola attività alla volta e per cambiarla sarà necessario passare attraverso l’app per poterla cambiare e di certo è poco pratico. Una volta attivata la modalità scelta, Shine traccerà i nostri progressi e disabiliterà automaticamente questa modalità quando pensa che abbiamo terminato. Avremmo preferito avere un controllo manuale sull’attività in quanto questo causa spesso una raccolta di dati poco accurata, alterando poi tutte le nostre statistiche.

Una volta sincronizzati i dati, l’app di Shine ce li mostrerà in pratici grafici dall’aspetto minimale, suddividendo le attività in blocchi colorati. Infine ricordiamo che Shine è resistente alle immersioni fino a 50 metri e questo può esser utilizzato anche per tracciare la nostra attività in piscina, mentre nuotiamo, attivando l’apposita modalità dall’applicazione.

misfit-shine-fitness-tracker_waterproof-610x406-c

7.Conclusioni

Misfit ridefinisce il concetto di activity-tracker con Shine, un dispositivo che sembra più un gioiello che un concentrato di tecnologia. E’ sicuramente il più elegante dei fitness tracker in commercio e a differenza degli altri, il suo design elegante e il suo rapporto peso/dimensioni permettono di indossarlo in qualsiasi situazione ma sopratutto in qualsiasi posto vogliamo: al polso, al collo come collana, in un taschino o sulle scarpe quando andiamo a correre.

5_shine_wearing_locations

A livello hardware tuttavia lo Shine non è ricco di funzionalità come i suoi competetitor: non abbiamo infatti controllo del battito cardiamo o altimetro. Non vibra come Jawbone Up permettendoci di utilizzarlo come sveglia e non ha un vero e proprio display per mostrarci nel dettaglio i nostri progressi o altre informazioni.

Shine dipende troppo dall’app e il fatto di dover passare tramite questa anche solo per cambiare attività potrebbe risultare un pò limitante per alcuni. I 12 LED bianchi sulla sue superficie sono molto belli da vedere, tuttavia sono leggibili solamente al buio o penombra. E’ praticamente impossibile riuscire a distinguerli sotto la luce del sole o in ambienti particolarmente luminosi.

Abbiamo apprezzato la scelta della batteria non ricaricabile, una dotazione che nessuno degli altri tracker in commercio ha. Anche se a prima vista potrebbe sembrare una scelta un pò particolare, questo permette allo Shine di avere un’autonomia di circa 4 mesi tramutandosi in un dispositivo “indossa e vai”.Purtroppo questa filosofia viene meno quando si tratta delle attività da tracciare, infatti ogni volta dovremo fare affidamento sull’app per cambiarla. Ogni volta che vogliamo nuotare, o andare a letto, dovremo assicurarci che sia stata cambiata l’attività attraverso l’applicazione.

Continuando a parlare dell’app, abbiamo dovuto constatare che ad oggi, esiste un enorme divario tra le funzione offerte nell’ecosistema Android e in quello Apple. L’app per iOS è completa e ricca di funzionalità come il tag dell’attività e report avanzati, mentre per Android si limita a funzioni molto basiche che non rendono efficace l’analisi dei dati raccolti durante la giornata. Nonostante sia una grave pecca è anche vero che si tratta di un problema software e quindi non legato al dispositivo di per se.

Questo significa che nelle prossimi mesi vedremo sicuramente un le due applicazione aggiornate al fine di rendere univoca l’esperienza utente, che al momento è nettamente superiore su iDevice. Su iPhone è inoltre possibile scattare foto ai pasti per tenere una traccia visuale della giornata anche in ambito alimentazione.

La raccolta dei dati ci è sembrata infine un pò meno precisa di quella di altri prodotti, ma anche qui è probabile che con i prossimi aggiornamenti la situazione migliori sensibilmente.

Per concludere possiamo sicuramente affermare che Shine è esteticamente il miglior activity tracker sul mercato, minimale, piccolo, leggero e robusto. Abbiamo amato la sua natura minimalistica e la sua versatilità di indossarlo in ogni occasione e in diverse posizione e non solo al braccio. Allo stato attuale lo raccomandiamo per utenti più “casual” che cercano un design raffinato e vogliono avere un dato approssimativo della loro attività e del loro sonno. Si adatta bene anche per utenti che fanno delle camminate e della corsa la loro attività predominate, tuttavia per i power user non è ancora uno strumento in grado di tenere traccia con massima affidabilità dei propri progressi anche per la mancanza del misuratore di battito cardiaco o di calorie.

IMG_4357

Considerando il prezzo che si aggira sui 100/120€ possiamo sicuramente tenerlo come una valida alternativa agli altri activity tracker inoltre l’azienda si sta dimostrando molto attiva e attenta ai clienti e siamo sicuri che non mancheranno aggiornamenti software per livellare lo stato delle app Android e iOS ed aggiungere altre funzionalità che da questo punto di vista lo collocano un pelo sotto lo standard degli activity tracker più gettonati.

Pro

  • Fantastico design minimalista
  • Waterproof fino a 50 metri
  • Batteria a bottone con durata di 4 mesi
  • Può essere indossato al polso, al collo, sulle scarpe o in un taschino

Contro

  • Funzionalità ancora basiche dell’app in particolar modo quella Android
  • Supporto limitato per il mondo Android (Android 4.3+ e Bluetooth LTE )
  • I LED non sono leggibili in ambienti luminosi

si ringrazia Misfit per il sample recensito

Misfit Shine 2 Smart Tracker Monitor dell'Attività Fisica e del Sonno, Nero

109,90€    In offerta a 68,08€ (Risparmi 41,82€)Amazon Prime

25,95€ Kelkoo [venduto da fruugo.it]

Galleria Immagini Shine

Rimani aggiornato in tempo reale sulle offerte tech grazie al nostro canale Telegram!

Ti invieremo un' email a settimana, puoi cancellare l'iscrizione in qualunque momento.

Potrebbe interessarti anche:


Partecipa alla discussione: