Sembra la scena finale di un film d’azione: la perfida Apple minaccia la schiavitù di tutti gli utenti iPhone 4S e iPad2 e i pochi valorosi hacker rimasti sembrano non riuscire a trovare la soluzione alla gestione della cache del chip dual-core A5 di Apple e caricare il codice necessario per il Jailbreak. E’ allora che capiscono che solamente tutti insieme riusciranno a sconfiggere la schiavitù della mela e liberare tutti gli iPhone 4S e iPad2. Come finirà?

Ritornando al lato tecnico, sembra che il noto hacker pod2g abbia deciso di dare una svolta al Jailbreak del chip A5. Abbiamo già visto come sia possibile fare il Jailbreak di iOs 5.0.1 e per dispositivi non dual-core ma i lavori per il chip A5 avevano subito alcuni problemi costringendo il team a mandare l’uscita a data da destinarsi.

Pod2g annuncia tramite il suo blog che i 4 principali hacker del settore “sicurezza iPhone” ( aka Jailbreak ) stanno unendo gli sforzi per un obiettivo comune: il Jailbreak del chip A5. Nello specifico dal blog di pod2g si legge:

  • @planetbeing, il leggendario hacker dietro iPhone Linux e molti Jailbreak si è unito alla ricerca del chip A5!
  • Il famoso @MuscleNerd (http://theiphonewiki.com/wiki/index.php?title=User:MuscleNerd), il capo dell’ iPhone Dev Team, che ha fatto molti test su Corona e che ha permesso di integrarlo semplicemente in redsn0W si è unito anche’esso al team per aiutare.
  • E infine, ma non per importanza, @p0sixninja (http://theiphonewiki.com/wiki/index.php?title=User:Posixninja), il capo del Chronic Dev Team, e mio partner per anni nella ricerca e sicurezza iPhone ha iniziato a scrivere il codice per l’Apple sandbox.
Ora abbiamo un vero dream-team per il Jailbreak. tenete le dita incrociate.
E se ce lo dice pod2g c’è solo da tenere le dita incrociate e sperare che questa nuovo A-Team ( Apple team ) riesca a trovare la strada giusta per il Jailbreak di iPhone 4S e iPad2.
Ti invieremo un' email a settimana, puoi cancellare l'iscrizione in qualunque momento.

Potrebbe interessarti anche:


Partecipa alla discussione: