Prendiamo in prestito una frase molto cara ai fan Nintendo, che così annunciano l’arrivo di un nuovo E3 e della conferenza Nintendo, per racchiudere in questo spazio tutti i rumors che si sono creati attorno alla fantomatica conferenza Google di domani, annunciata peraltro da un sito dedicato con tanto di robottino verde a fare il countdown. Andiamo dunque a vedere quali siano le bombe che Google potrebbe sganciare domani al MWC di Barcellona.

[quote]Vi ricordiamo che la conferenza potrà essere seguita Live direttamente su TechZilla.it, e che inizierà alle ore 18:00 di martedì 28 febbraio[/quote]

PRIMA BOMBA: NEXUS TABLET

Google ha ribadito più volte che ICS è stato progettato per rendere più vicina l’esperienza smartphone a quella tablet, avvicinando i 2 dispositivi il più possibile. Quale modo migliore per realizzare tale progetto di quello di dare il buon esempio agli altri produttori? Ecco perchè le voci su un presunto Nexus Tablet ci sembrano fondate. Dal momento che Eric Shmidt si era già fatto sfuggire qualcosa in precedenza, è molto probabile che Google decida di andarsi a prendere quella fetta di mercato in cui l’unica concorrenza significativa è rappresentata dal Kindle Fire, ovvero quella dei Tablet Low Cost, che vendono tanto e piacciono alle nostre tasche. Perciò si è ipottizzato un tablet con schermo da 7″, Android 4.0 ed un costo di 200$.

Ma chi produrrà questo tablet? L’acquisizione di Motorola da parte di Google è avvenuta in tempi troppo recenti per aver già prodotto qualcosa, e ci sembra che affidarsi ancora una volta a Samsung per produrre un Tablet Low Cost sia svantaggioso per Google, avendo Motorola tra le mani.

Forse il progetto con Motorola era già in cantiere da tempo, prima della recente acquisizione? Chi può dirlo? Vedremo.

SECONDA BOMBA: OCCHIALI REALTA’ AUMENTATA

Ad alimentare i rumor è stata la testata giornalistica New York Times, che con una certezza disarmante ha dichiarato che google sta progettando degli occhiali che interagiranno con l’ambiente esterno proiettando informazioni sulle lenti, in modo da fornire informazioni aggiuntive sull’ ambiente cirocostante all’ utilizzatore. Con l’aiuto di GPS, sensori ambientali, fotocamere e connettività 3g e 4g sarà possibile anche controllare il proprio smartphone direttamente dall’ occhiale, che sarà controllato tramite dei piccoli cenni della testa.

il prezzo di tale gingillo non è stato ancora definito, ed oscilla in un generico 250$-600$

TERZA BOMBA: JELLY BEAns

Alias Android 5.0. Secondo alcune voci di corridoio Google avrebbe in cantiere il rialscio di una nuova versione di Android prevista per giugno. Ci sembra una assurdità, a dire il vero, sopratutto perchè in molti credono che tale versione andrà a soppiantare la neonata 4.0

Ci sembra molto più probabile che Google abbia intenzione di creare un sistema operativo per Personal Computer, ambito in cui google non si è mai mossa più di tanto. Se così fosse, l’interazione con i device Android potrebbe raggiungere livelli mai visti prima. La prima cosa che ci viene in mente è il controllo remoto del pc, ma anche lo sharing di informazioni o il calcolo di dati da parte del pc per lo smartphone mentre siamo fuori casa, ecc.

QUARTA BOMBA: ASSISTENTE VOCALE

Ve ne eravate dimenticati? Google ha rinnovato le proprie politiche sulla privacy di recente, unificandole tutte sotto una unica grande legge che permettese ad i suoi numerosissimi servizi di interagire tra di loro. Inoltre, nello stesso periodo, si parlava anche di un progetto che andasse ad emulare quanto fatto da Apple con Siri. Entrambe le cose sembravano concordare tra loro. Infatti, per garantire un accesso completo ai servizi di google, l’assistente vocale non sarebbe dovuto entrare in conflitto con le diverse norme sulla privacy presenti nei numerosi servizi di Google, e pertanto l’unificazione delle stesse avrebbe favorito il lavoro di un possibile Siri alla Google.

Non ci sembra tanto remota la possibilità che Google stia per lanciare tale funzione proprio al MWC.

QUINTA BOMBA: GOOGLE MUSIC IN EUROPA?

Google music è ancora un servizio dedicato esclusivamente agli USA. Dal momento che siamo a Barcellona forse è il momento buono per far sbarcare tale servizio nel vecchio continente, non credete?

Ti invieremo un' email a settimana, puoi cancellare l'iscrizione in qualunque momento.

Potrebbe interessarti anche:


Partecipa alla discussione: