Rivelazioni scottanti sembrano giungere all’orecchio di uno dei giornalisti del portale web di Forbes, importantissima rivista statunitense legata a temi come l’economia e la finanza. Secondo le indiscrezioni pubblicate da Tristan Louis nell’articolo “Nintendo: the new Sega“, sembra che la famosa società di videogiochi abbia intenzione di non voler più cimentarsi nella realizzazione di console e di voler restare  solo una Software House, ovvero una casa produttrice di soli videogiochi.

L’annuncio, datato domenica 3 marzo, è comparso in un articolo dove si analizzano i vari movimenti di mercato (in positivo e in negativo) della Nintendo nell’ultimo periodo. Nelle prime righe si legge testualmente: “Nintendo con Wii U non riuscirà mai a sopravvivere alle prossime console in arrivo da Sony e Microsoft“. Il lancio di Wii U è stato dunque prematuro?

Nell’articolo, si legge:

Nintendo è già un gigantesco publisher di videogiochi gigante (più grande di EA, Blizzard Activision, Ubisoft o Take-Two). Proprio per questo, possiede una ricca library di titoli che può benissimo esportare su altre piattaforme. Spostandosi anche sullo sviluppo di giochi per iOS. I guadagni aumenterebbero e gli sviluppatori diventerebbero più rapidi e adattabili ai cambi di trend del marketing. Secondo alcune indiscrezioni, sembra che Nintendo sia intenzionata a diventare esclusivamente una software house.

Super Mario, Pokémon, Sonic, Zelda e compagnia bella prossimamente su iPhone o – peggio ancora – su Xbox e Playstation?

Ti invieremo all'incirca una email a settimana, e puoi cancellare l'iscrizione in qualunque momento.

Partecipa alla discussione