Samsung sembra non voler lasciare veramente nulla al caso per salvaguardare la sicurezza dei propri utenti. Il gigante sudcoreano ha già attivato una campagna di rientro globale di tutti i Galaxy Note 7 che potrebbero avere al proprio intero una batteria difettosa, ma stando a quanto riportato da un utente francese di Reddit, il quale avrebbe dialogato con un rappresentante di Samsung, l’azienda avrebbe intenzione di disattivare da remoto tutte le unità che non dovessero fare rientro alla base entro il 30 settembre.

L’utente Reddit in questione – LimboJr – sarebbe inoltre venuto a conoscenza del fatto che i Galaxy Note 7 di ricambio arriveranno in Francia a partire dal 19 settembre all’interno di un pacco che conterrà non solamente il nuovo telefono, ma anche un visore di realtà virtuale Samsung Gear VR e una confezione preaffrancata che permetterà di spedire a Samsung la propria unità potenzialmente difettosa senza alcun costo.

Samsung Galaxy Note 7

Pare che la stessa data e lo stesso discorso si applichino anche ad altri paesi europei (per adesso è confermato solamente il Portogallo). Gli utenti statunitensi, invece, potrebbero dover attendere più degli utenti europei. Nel frattempo, pare che Samsung abbia incontrato difficoltà nel convincere gli utenti a partecipare al programma ufficiale di sostituzione, nonostante il recentissimo rilascio di un comunicato stampa con il quale si invitavano i possessori di Note 7 ad aderire nel più breve tempo possibile.

La vicenda delle batterie difettose ha avuto un impatto finanziario importante sulle casse del colosso della tecnologia sudcoreano. I costi di richiamo potrebbero essere pari a 1 miliardo di dollari, senza contare la perdita di capitalizzazione di miliardi di dollari dovuta alla flessione dei titoli Samsung e il danno di immagine causato dalle varie compagnie aeree che hanno vietato l’utilizzo del terminale sui propri aerei.

Via
Ti invieremo un' email a settimana, puoi cancellare l'iscrizione in qualunque momento.

Potrebbe interessarti anche:


Partecipa alla discussione: