Ancora novità sul fronte dei SoC dal CES 2013. Dopo Nvidia con il suo Tegra 4, Qualcomm con i suoi SnapDragon 800 e 600, Samsung con gli Exynos Octa anche ST-Ericsson fa la sua proposta a questo affollato evento per il mercato mobile lanciando il NovaThor L8580, un SoC destinato alla fascia media.

In questo nuovo SoC abbiamo, per il comparto CPU, un’architettura familiare e già vista, il Cortex A9 contrariamente allo spostamento che sta avvenendo per il Cortex A15 sulla fascia alta del mercato. I core saranno quattro e potranno raggiungere la frequenza di 2.5 GHz.

NovaThor L8580

Cosa molto interessante sta nel fatto che il SoC NovaThor L8580 può operare ad una tensione molto bassa, di appena  0.6V, il che permette di risparmiare molto a livello energetico. Il reparto grafico è affidato ad una GPU PowerVR nel modello SGS544.

Il SoC può decodificare video fino alla risoluzione di 1080p, e la risoluzione del display potrà raggiungere i 1920 x 1200 pixel. Supporta una alquanto improbabile, almeno per ora, fotocamera da 20 MP come principale e una da 5 MP sul davanti come secondaria.

NovaThor L8580 integrerà nello stesso chip anche quelli predisposti alle antenne della connettività, al contrario di quanto avviene con il Tegra 4 al quale va affiancato un altro chip. Viene supportato quindi l’HSPA+, TD-SCDMA e il vecchio EDGE: Non manca anche il supporto alla riproduzione e alla cattura dei video 3D.

Lo ST-Ericsson NovaThor L8580 andrà quindi a essere montato su dispositivi di fascia media economica con una eccellente potenza di calcolo affiancata ad un’ottima gestione dell’energia con un conseguente minor consumo. Coprirà quindi i piani più bassi che il Cortex A15 lascerà liberi.

Via | GSMArena

Ti invieremo un' email a settimana, puoi cancellare l'iscrizione in qualunque momento.

Potrebbe interessarti anche:


Partecipa alla discussione: