Una Join Venture degna di un colpo di scena cinematografico. Questo è quello che sta accadendo in queste ore dall’altra pare del mondo, dove il carrier Giapponese NTT DoCoMo ha appena stretto importanti accordi con Samsung, Panasonic, NEC e FUJITSU per creare chip per smartphone in grado di contrastare il dominio dei chip Qualcomm.

Qualcomm detiene i maggiori profitti per quanto riguarda la componentistica hardware dei chip e l’unico modo per contrastare questo dominio è quello di unire le forze degli altri piccoli produttori sotto una bandiera comune. Questa nuova alleanza promette di creare chip più piccoli, più preformanti ed economici per tutti i membri della join venture, permettendo così di unire tecnologie e aumentare notevolmente la produzione. Non sappiamo ancora quando i frutti di questo accordo vedranno la luce, ma Qualcomm dovrà iniziare a guardarsi le spalle.

DoCoMo verserà 5,8 milioni di dollari per la causa, per l’esattezza alla Communication Platform Planning. A capo della CPP c’è il CEO di DoCoMo CEO Mitsunobu Komori. Una mossa che se ben pianificata potrebbe portare molti nuovi prodotti ai consumatori e introiti maggiori a questa nuova joint-venture.

Ti invieremo un' email a settimana, puoi cancellare l'iscrizione in qualunque momento.

Potrebbe interessarti anche:


Partecipa alla discussione: