Direttamente dal GPU Technology Conference (GTC), arriva Nvidia Grid annunciata dal  CEO di NVIDIA Jen-Hsun Huang: una nuova proposta che consente di offrire in streaming i giochi di ultima generazione ai possessori di Connected TV, PC, Tablet e smartphone di nuova generazione. Il concetto di Gaming-on-demand non è nuovo, tuttavia Nvidia vuole rivoluzionare questo concetto aggiungendo la propria esperienza maturata nel settore videoludico, proponendo un servizio completamente innovativo.  Con il lancio della “NVIDIA GeForce GRID cloud gaming platform” l’azienda propone un nuovo approccio ai videogiochi che verrann o serviti su varie piattaforme direttamente in streaming.

Come funziona? Con la GeForce GRID platform, i gaming-as-a-service provider sono in grado di offrire la migliore qualità delle immagini e i minori tempi di latenza e, al contempo, sostenere minimi costi operativi, in particolare per quanto concerne i consumi energetici. I giocatori, dal canto loro, avranno la possibilità di interagire con i più recenti e sofisticati giochi con ogni tipo di dispositivo connesso, comprese TV, smartphone e tablet iOS e Android.

Alla base di questo nuovo servizio troviamo  le NVIDIA GeForce GRID GPU con tecnologia dedicata di streaming a latenza ultra-bassa e cloud software per quanto concerne il comparto grafico. Combinate insieme queste tecnologie permettono di avere un’esperienza di gioco unica e innovativa, in quanto il fattore predominante per una buona esperienza di gioco rimarrà sempre la piattaforma hardware, ma che questa volta sarà collocata lontano dai nostri schermi.

 Phil Eisler, general manager del Cloud Gaming di NVIDIA afferma:

“I giocatori avranno da oggi la possibilità di accedere ai migliori titoli disponibili al mondo sempre e ovunque da telefoni, tablet, TV e PC. GeForce GRID rappresenta un punto di rottura nelle modalità con cui i giochi vengono offerti e interagiti.”

Nvidia Grid si basa sulle GPU con architettura Kepler, ciascuna con proprio encoder, i processori mettono a disposizione 3.072 core a tecnologia CUDA ® e offrono agli shader 3D una potenza di calcolo di 4.7 teraflop. Ciò consente ai provider di portare sul Cloud giochi molto complessi, che sono codificati sulla GPU, piuttosto che la CPU, permettendo così ai server di eseguire simultaneamente più flussi di gioco.

Anche le software house accolgono con piacere questa novità in casa Nvidia, come nel caso della Epic games:

“Alla Epic abbiamo accolto con grande entusiasmo l’annuncio da parte di NVIDIA dell’architettura GeForce GRID. La tecnologia GRID di NVIDIA, con la sua riduzione delle latenze e il miglioramento della qualità delle immagini, combinata a una maggiore densità ed efficienza energetica, rappresenta un significativo passo in avanti per rendere l’esperienza del cloud al pari di quella delle console e portare i giochi di qualità verso un pubblico sempre maggiore.”

“Il Cloud ha tutto il potenziale per offrire in futuro esperienze ancora più forti, consentendo a GPU ultra-high-end, come la GeForce GTX 680, lo streaming di grafica di altissima qualità, come quella resa possibile dalla UE4, verso una vasta gamma di dispositivi. Il risultato sarà che più persone potranno godere dei giochi EPIC su più dispositivi a una qualità superiore, ben oltre le capacità delle console.”

– Tim Sweeney, founder and CEO, EPIC Games

Tra le novità troviamo inoltre Gikai che sembra intenzionata a portare la tecnologia di Nvidia Grid anche su Facebook ,eprmettendo di giocare a titoli di grande calibro direttamente dal nostro social network. Altre informazioni su Nvidia Grid sul sito ufficiale Nvidia.

Ti invieremo un' email a settimana, puoi cancellare l'iscrizione in qualunque momento.

Potrebbe interessarti anche:


Partecipa alla discussione: