Innovation Event“. E’ questo il nome dell’evento utilizzato da Oppo per presentare in Europa le più recenti tecnologie in campo mobile. Un’occasione per sottolineare agli addetti ai lavori che l’azienda investirà entro l’anno ben 1,5 miliardi di dollari in R&D. I primi risultati sono già stati ottenuti: vediamoli di seguito.

Smartphone 5G con Snapdragon 855

Oppo ha mostrato per pochi istanti il primo smartphone 5G, grazie al Landing Project e al supporto di Qualcomm che ha fornito lo Snapdragon 855 e modem X50. Con il Landing Project l’azienda cinese si è assicurata l’accordo con 4 operatori telefonici  (Swisscom, Telstra, Optus e Singtel) per promuovere l’implementazione di prodotti e servizi 5G sul mercato nel prossimo futuro. La ricerca verso la realizzazione di uno smartphone con supporto alla rete 5G è iniziata nel lontano 2015, quando Oppo studiava nuovi tipi di antenne e batterie più capienti.

Zoom 10x LOSSLESS

Oppo a Barcellona ha mostrato anche il definitivo sistema di lenti disposto orizzontalmente che prende il nome di “Zoom 10x LOSSLESS“, realizzato con Corephotonics, azienda acquistata da poco da Samsung. Una soluzione ingegnosa che prevede un modulo composto da 3 fotocamere:

  • Una con ottica grandangolare – Sensore IMX319 da 8 Megapixel ed angolo di visione di 120 gradi;
  • Una principale – Sensore IMX586 da 48 Megapixel stabilizzato otticamente;
  • Una con ottica tele – Sensore da 13 Megapixel stabilizzato otticamente.

Le tre camere agiscono in maniera simultanea per simulare uno zoom massimo di 10x senza perdita di dettagli, come suggerisce la voce lossless. In termini pratici, la casa cinese ha sottolineato che il risultato sarebbe equivalente ad un’escursione focale da 16mm a 160mm.

Lo zoom 10x di Oppo, che può contare anche su un sistema anti-vibrazione sul prisma e su una stabilizzazione EIS, verrà implementato sugli smartphone dell’azienda cinese che arriveranno sul mercato nel Q2 2019.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.